mercoledì 7 gennaio 2015

PRESENTAZIONE di Black Cemetery. Il luogo della Perdizione. di Valeria De Luca

Buona sera, bloggers e lettori! Questa sera ci sarà anche un'altra presentazione (più un'altra, che spero di riuscire a fare), questa sera presenterò il nuovo libro di Valeria De Luca "Black Cemetery. Il  luogo della Perdizione." Come sempre, se vi attrae, se vi interessa e desiderate acquistarlo, dovete solo leggere le informazioni qui sotto. Buona lettura!


Titolo: Black Cemetery. Il luogo della Perdizione.
Autrice: Valeria De Luca
Genere: Horror, Gotico, Fantasy
Pag. 52
eBook: € 0,99
Cartaceo: € 6,50
Link d'acquisto: 
Amazon
http://www.amazon.it/Black-Cemetery-luogo-della-perdizione-ebook/dp/B00OE680RG/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1413172459&sr=8-1&keywords=black+cemetery

Kobo:
http://store.kobobooks.com/it-IT/ebook/black-cemetery
e altri store on line sia in ebook che in cartaceo.
Sarà possibile ordinarlo in qualsiasi libreria In Mondadori e La Feltrinelli della vostra città.

La Pagina Fan facebook del racconto:
https://www.facebook.com/b.cemetery


Il blog di Valeria:
http://valeriadeluca1981.blogspot.it/


BIOGRAFIA E BIBLIOGRAFIA DELL'AUTRICE
Valeria De Luca nasce a Roma il 29/07/1981. Vive a Ladispoli con suo marito Emanuele e sua figlia Alice, nata il 16/01/2013. I suoi studi finiscono al III° anno dell’Istituto Turistico per problemi familiari. Il suo sogno era di laurearsi in psicologia criminale. Si diploma come insegnante di Hip Hop a livello europeo nel 2006. E’ una grandissima tifosa di calcio: l’A.S. Roma. Le piaceva andare allo stadio prima di avere la bambina. Il suo scrittore preferito in assoluto è Stephen King, ha cominciato ad amare i suoi libri all’età di 11 anni. Ha scritto vari articoli sui giornali locali, rilasciato interviste per blog di autori emergenti, per il Tg di Canale 10 e per la radio locale di Ladispoli “Centro Mare Radio”.

Il suo ultimo romanzo “Le Lenzuola Nere di Khloe” è stato presentato presso la Biblioteca Comunale di Ladispoli, nel locale di Testaccio (Roma) “Studio 35” e presso l’Istituto comprensivo Corrado Melone (scuola media).


Bibliografia:
- Emily Noir. Incubi in Monastero – formato cartaceo - edito Arduino Sacco Editore.
- Le Lenzuola Nere di Khloe – formato cartaceo – edito Editoriale Programma.
- La Polvere del Tempo – racconto incluso nell’antologia “ Scritture in libertà”- edito Il Violino Editore.
- Emily Noir. Incubi in Monastero – formato ebook – Self Publisher su Amazon.
- Légami – racconto che ha vinto il concorso “BondageRoma” sarà incluso in un’antologia in uscita a fine Ottobre.
- 21 Ottobre 2014 è uscito il racconto horror “Black Cemetery” sia in formato digitale che cartaceo – Self Publishing


Sinossi:
Una Ford Mustang nera sfrecciava per la Black Street. Era diretta verso Dark Myst. John Allen stava per diventare uno scrittore famoso. Aveva vinto un concorso letterario con il suo manoscritto inedito "Incubi Neri". Un contratto con una nota casa editrice, pronta a sborsare molti dollari per quel manoscritto che ora si trovava nello zaino sul sedile di fianco. Mentre sognava la sua vita grandiosa, qualcosa di strano accadde. Un'ombra nera sfrecciò davanti alla sua Ford. Da quel momento strani avvenimenti si presentarono agli occhi di John Allen: la macchina smetterà di funzionare, l'autoradio farà i capricci e sembrerà che qualche demone si stia impossessando dell'autoradio. John vedrà di fronte a sé un cimitero: BLACK CEMETERY. Qualcosa di oscuro lo attenderà, una bellissima ragazza è in lacrima su una strana tomba e lui rapito da quei singhiozzi si avventurerà nel bosco del cimitero per aiutarla.
Che cosa ci fa una ragazza in piena notte ai piedi di una tomba?
Perché John molla tutto per correre da lei?
John non conosce la leggenda del cimitero e di Dark Myst...
Le ombre sono pronte ad attenderlo.

Vi lascio con una chicca tratta da questo romanzo che vi invito a comprare e poi commentare in questo post o nella pagina Facebook del blog: "John sentiva i brividi salirgli su per la schiena ma quella voce lamentosa, piena di dolore aveva colpito la sua curiosità. Uscì lentamente dalla Ford, sempre con il cellulare in mano, ormai morto, serviva solo come torcia. Segui' quel lamento tra i cespugli. Vide un piccolo cartello di legno. Una scritta era stata intarsiata al centro. Avvicinò il cellulare e lesse. "Black Cemetery ".
Qualcuno lo aveva inciso con uno scalpello o con un cacciavite grande. Giro' in tondo con il cellulare per far luce, ma il raggio era troppo piccolo perché potesse vedere oltre quella boscaglia.
«Cazzo! Mi trovo in un cimitero!».
Continuò a camminare seguendo quel lamento. Più si avvicinava e più vedeva quelle strane luci. Erano dei lumini. Gli si paro' di fronte un cancello alto di ferro arrugginito. Grazie a quei lumini riuscì a vedere quelle tombe gotiche, ognuna aveva la sua luce. Una lo colpi' improvvisamente : una tomba metà donna, metà pipistrello. Sopra di essa c'era una donna, seduta, con le mani si copriva il volto e piangeva. Ecco da dove venivano quei lamenti!
Fluidi capelli nero corvo ondeggiavano con il vento. La donna era riversa su se stessa, piena del suo dolore. Una lunga veste nera ricopriva il suo corpo, ma lasciava intravedere i piedi nudi. John Allen voleva varcare quel cancello per correre in suo aiuto, ma il lucchetto arrugginito era collocato con delle catene intorno al cancello."

Giada

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...