lunedì 6 marzo 2017

RECENSIONE di Per Addestrarti di Chiara Cilli

Buon pomeriggio, bloggers e lettori! Sono ancora sotto shock, non ho mai finito di leggere un libro di 300 pagine in un giorno e mezzo, per me è un evento da celebrare perché di solito ci metto al massimo tre giorni per leggere un libro con quella quantità di pagine... Festeggiate insieme a me! xD Scherzi a parte, questo libro è stata la ri-conferma di quanto Chiara Cilli sia brava. Buona lettura!

PREMESSA
Avevo appena finito di leggere un romanzo storico che mi ha molto delusa, perciò avevo bisogno di leggere qualcosa di molto forte per cambiare aria. Ho scelto di leggere l'ultimo romanzo della serie Blood Bonds soprattutto perché ho schivato tutti gli spoiler finora, e anche perché morivo dalla curiosità di leggere del piccolino di casa Lamaze. Come Chiara ci aveva anticipato, gli #Andyia saranno il love della serie, temo anche il solo, perché ho la netta sensazione che Armand Lamaze sia controllato e stentoreo, ma che nasconda un'oscurità persino peggiore di quella di André e Henri. Questo è un romanzo imperdibile, ve lo dico sin d'ora, è un romanzo che amerete alla follia.

TRAMA (da Goodreads)
Credevo di sapere chi fossi. Cosa fossi.
Credevo di non avere più scampo, che la mia resistenza fosse ormai giunta al termine.

Poi ho sentito la sua voce pronunciare il mio nome.
Poi i suoi occhi hanno risposto al richiamo dei miei.

Non ha paura di me. Si avvicina. Mi parla. Mi tocca come se le appartenessi. È folle.
Lui è l’unica chance che ho per restare viva. Devo far sì che gli importi di me. Che sia lui ad avvicinarsi.

Ma non riesco a starle lontano.
Ma gli basta sfiorarmi perché perda di vista l’obiettivo.

L’arrivo della Regina è vicino.
Dovrò scegliere.

La sottomissione.
O la lama di André Lamaze.

Qualunque sia la sua decisione, finalmente dirò addio alla mia piccola rossa.

Dark Contemporary Romance
Questo romanzo contiene situazioni inquietanti, scene violente e omicidi. Non adatto a persone suscettibili ai temi trattati. +18

RECENSIONE
Sono senza parole e provo un tumulto di emozioni dentro di me, un fiume in piena non renderebbe a pieno l'idea di come mi sento; forse un tornado che si abbatte sulle case di legno americane forse si avvicina di più al mio stato attuale. OH MY GOD! E' così difficile trovare le parole quando sai di aver letto un ottimo dark romance...Mai e dico mai ho letto un romanzo di 300 pagine in un giorno e mezzo, magari tra di voi ci sono lettori più veloci di me, ma per me questa è una conquista vera e propria, che sottolinea ancora una volta la bravura di Chiara Cilli. Certi romanzi sono così coinvolgenti da entrarti sotto pelle e sconvolgere il tuo piccolo universo con le vicende dei loro protagonisti, bene, "Per Addestrarti" è stato questo per me. 

In "Per Addestrarti" conosciamo in modo più approfondito il piccolo di casa Lamaze, André. André è scocciato e irritato perché la merce che deve consegnare alla Regina di Véres (Nadyia Volkov) è insubordinata e non vuole sottomettersi a lui. Motivo per cui ha deciso di tenerla più tempo nel suo castello vicino ai Carpazi, per farla cedere, per far crollare la sua indomita sicurezza e distruggere il suo coraggio. Di Nadyia Volkov sappiamo pochissimo, a volte veniamo a conoscenza del suo passato tramite i ricordi della stessa, ma una cosa spicca forte, intensa e prepotente durante tutta la lettura del romanzo: il legame violento, trascendentale e innegabile che si è instaurato tra lei e André. Un legame molto diverso da quello che c'era tra Henri e Aleksandra Nikolayev. Un legame che ci dimostra che anche lui ha un cuore, sebbene sia nascosto sotto strati e strati di duro ghiaccio. Nadyia ha deciso di stringere un patto con André: se lui la addestrerà, lei non si opporrà quando verrà valutata dalla Regina, che deciderà del suo futuro, così come anche della sua vita ed eventuale morte. André ingaggia una lotta personale contro i demoni del suo passato, presentandoci un bambino spaventato che è costretto a subire i pestaggi e gli insulti degli amici di suo padre, e la sua ancora di salvezza diventa proprio la sua rossa. Il loro rapporto non è idilliaco, voglio dire, non aspettatevi rose, cuori e amore nel senso tradizionale del termine, perché non lo troverete. Spesso i due si punzecchieranno, litigheranno e se le daranno di santa ragione, e durante una di queste lotte Nadyia dimostrerà la sua abilità come combattente, grazie anche al suo passato di ginnasta. Il loro amore, ostacolato in ogni modo dalla Regina di Véres, porterà più volte i due a fronteggiarsi con la Morte. Ma la Morte qui non si presenta in modo tradizionale, il Nero Mietitore è rappresentato dalla bellissima quanto letale Neela Sărapova. Un amore corrisposto, che però rischia di portare entrambi alla morte. Cosa farà André Lamaze? Combatterà per la piccola rossa oppure rimarrà fedele al patto stretto tra le tre casate di Véres? Per scoprirlo dovrete immergervi nella lettura. 

Ho aspettato, insieme alle altre Bad Girls, per molto tempo per questo romanzo e non vi dico i salti di gioia che ho fatto quando quest'ultimo è arrivato nel mio Kindle. Chiara è una conferma. Io adoro il suo stile preciso, intenso, duro. Ho amato molto il fatto che la disposizione grafica delle frasi rispecchiasse quanto stava accadendo nel libro, voglio dire, quando Nayia rischia di venire annegata nel bagno da Hanna, la disposizione delle parole, che vengono messe a capo, rende l'idea della persona che sta per annegare. Oddio, spero di essermi spiegata! Le atmosfere qui si fanno ancora più cupe, perché entriamo nel mondo di Neela Sărapova  e nel suo mondo, non appena viene acquistata diventi sua e nessuno ti può più toccare o guardare senza il suo consenso. Se André ama Nadyia, lei muore. E' un amore che condanna entrambi alla morte, quindi un amore che non può realizzarsi, ma che trova di tanto in tanto degli sbocchi quando i due vanno per la prima volta a letto insieme o quando si strusciano. 

Un romanzo coinvolgente, una scrittura decisa e graffiante, due personaggi tormentati e oscuri. Un romanzo indimenticabile. Amerete gli Andyia e soffrirete con loro, perché non si può rimanere indifferenti all'amore corrisposto che non può trovare la propria realizzazione e che ha come unica e principale conseguenza la morte. Il POV alternato di André e Nadyia completa il quadro, permettendo al lettore di entrare nella testa dei personaggi, di amare e di soffrire con loro. 

Vi saluto con una citazione tratta da questo bellissimo romanzo:
"Non c'era luce nelle tenebre in cui vivevo. Non poteva. C'era solo il dolore, l'oblio, la violenza, il sangue.
Ne eravamo sporchi.
Tutti."
(Nadyia)

xoxo,
Giada

1 commento:

  1. OMG thank you so much *_____* una recensione fantastica!!! ♥

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...