venerdì 4 giugno 2021

RECENSIONE DI RACCONTAMI DI UN GIORNO PERFETTO DI JENNIFER NIVEN

Buon giorno, Fantastics! Sono passati più di sei mesi, se non di più, dall'ultima volta che sono rientrata nel blog. La verità è che non riesco, e temo che non riuscirò mai, a esser costante qui come desidero. Ogni volta che annuncio una cosa, finisco inevitabilmente con perdermi in mille altre cose. Ecco per cui vi comunico che aggiornerò il blog quando ne ho voglia - qualcuno di voi direbbe a cazzum - ma è così. 

Ho tante cose in ballo, tra cui la stesura del mio romanzo. Leggere  leggo, ma non sempre mi ricordo di postare qui le recensioni. Specialmente ora che ho aperto il mio blog 'alternativo', su Instagram. Infatti, nel mio profilo IG, ci sono soprattutto recensioni di film e serie tv, cose che guardo con molta frequenza... oddio, sono più una tipa da film che da serie tv. Ad ogni modo, se sono qui è sempre per un motivo che conoscete fin troppo bene: sono in pausa dalla scrittura, una pausa in parte non voluta. Ma va beh.

Guardiamo il lato positivo. Ho potuto leggere questa perla di romanzo. 

PREMESSA
Come vi dicevo più su, sono una grande appassionata di film. Il motivo principale per cui ho scelto questo romanzo, oltre che per il mio bisogno di angst e dolore, è perché c'è il film su Netflix e non volevo guardarlo senza prima aver letto il romanzo. Che dire... questo romanzo è un pugno nello stomaco. 
Fa male. Malissimo. Ma, in fondo, è giusto che sia così: per i temi che tratta, per la profondità dei personaggi, per le emozioni che ho vissuto sfogliando le pagine, cinque stelle sono davvero troppo poche per questo romanzo. Ne merita tante, tantissime. Oh, ed è in lizza per diventare uno dei miei romanzi preferiti del 2021, se non IL mio romanzo preferito del 2021. 

TRAMA (DA GOODREADS) 
*** Vincitore premio ""Mare di Libri"" ***
*** Finalista al Premio Andersen 2016 nella categoria Miglior Libro oltre i 15 anni ***

È una gelida mattina di gennaio quella in cui Theodore Finch decide di salire sulla torre campanaria della scuola per capire come ci si sente a guardare di sotto. L’ultima cosa che si aspetta però è di trovare qualcun altro lassù, in bilico sul cornicione a sei piani d’altezza. Men che meno Violet Markey, una delle ragazze più popolari del liceo. Eppure Finch e Violet si somigliano più di quanto possano immaginare. Sono due anime fragili: lui lotta da anni con la depressione, lei ha visto morire la sorella in un terribile incidente d’auto. È in quel preciso istante che i due ragazzi provano per la prima volta la vertigine che li legherà nei mesi successivi. I giorni, le settimane in cui un progetto scolastico li porterà alla scoperta dei luoghi più bizzarri e sconosciuti del loro Paese e l’amicizia si trasformerà in un amore travolgente, una drammatica corsa contro il tempo. E alla fine di questa corsa, a rimanere indelebile nella memoria sarà l’incanto di una storia d’amore tra due ragazzi che stanno per diventare adulti. Quel genere d’incanto che solo le giornate perfette sono capaci di regalare. Raccontami di un giorno perfetto è un romanzo commovente e coraggioso. Una storia che spezza il cuore in tutti i modi possibili e ci ricorda che cosa significa essere vivi.

«Un vero inno alla vita. Ogni adolescente dovrebbe leggere Raccontami di un giorno perfetto» - Corriere della Sera

«Uno straordinario caso letterario» - Sette - Corriere della Sera

«Un romanzo che è una contagiosa voglia di riscossa» - TuttoLibri-La Stampa

«Jennifer Niven è la regina della letteratura Young Adult» - la Repubblica

«Una storia d’amore profonda, un viaggio straordinario nelle paure degli adolescenti» - Vanity Fair

«Incantevole e crudele al tempo stesso» - Famiglia Cristiana

«Un caso letterario che parla ai ragazzi con grande sincerità» - Ansa

RECENSIONE
Scrivere ciò che provo, a distanza di ore, su questo libro mi è difficile. Il che è raro, per me, non trovare le parole per descrivere un romanzo - ormai sono blogger da quasi nove anni, scrivo romanzi da quattordici anni... vivo di parole. Le parole sono sempre stato un nutrimento per l'anima, per me. Le parole ci sono sempre state, anche quando pensavo di non averne più, per esprimere i miei sentimenti attraverso i miei personaggi. O meglio, attraverso le loro vicissitudini: se mi conoscete, saprete che per me i personaggi devono soffrire, per poter crescere. E' un processo che spinge il lettore a identificarsi con loro, ma che permette anche a te di buttare fuori quelle ferite che non si sono mai rimarginate. 

Raccontami di un giorno perfetto non è il tipico romanzo YA che leggerete, a tratti mi ha ricordato un coming-of-age, ovvero quel genere di romanzo che racconta le difficoltà dell'adolescente di passare dall'adolescenza all'età adulta. Non è un romanzo leggero. Affatto. Se lo leggerete, dovete tenere presente tutto ciò. Tenevi i fazzoletti a portata di mano. 

Theodore Finch è un ragazzo di diciassette anni strano. Anche se, definirlo strano sarebbe un eufemismo bello e buono. Tende a fissarsi sulle cose in modo ossessivo. Ma, allo stesso tempo, è dotato di una grande intelligenza, una sensibilità fuori dal comune e una visione del mondo molto interessante. Dirvi le cose che ho imparato leggendo questo romanzo occuperebbe gran parte del post, quindi non mi dilungherò oltre. Finch ha perso ben cinque settimane di scuola, e nessuno in casa sua se n'è accorto: né sua madre, che cerca ancora di rimanere a galla nella sua grigia vita dopo esser stata lasciata dal marito violento, la sorella maggiore Kate che non sa quasi nulla di lui e la piccola Decca, che soffre molto per la costruzione della nuova famiglia del padre. Perché Finch ha perso cinque settimane? Lui lo definisce, all'inizio del libro, il Grande Sonno. In realtà, è una forte depressione scaturita proprio dal divorzio, ma che ha radici molto più profonde. Molto, molto profonde. Violet Markey è un'ex cheerleader che ha messo tutta la sua vita in pausa dopo la morte della sorella Eleanor, in un un'incidente d'auto. A differenza di Finch, che presenta sbalzi d'umore, scatti d'ira violenti, fissazioni ossessive; Violet è in piena PTSD (sindrome post-traumatica) insieme ad un grandissimo senso di colpa del sopravvissuto: ha perso ogni interesse per ciò che amava fare, a partire dalla scrittura. 

Quando Violet si arrampica sulla torre campanaria della scuola, contemplando il suicidio, trova lì anche Finch. In parte, Finch non rivela la vera motivazione per cui si trova lì. Io ho avuto la sensazione che lui provasse 'l'attrazione per il vuoto', ovvero quella sensazione che ognuno di noi almeno una volta nella vita ha provato, di buttarsi sotto il treno o di provare cosa vorrebbe dire schiantarsi al suolo. Okay, solo una di queste l'ho sperimentata una volta io, e fa davvero molta paura. Finch salva Violet, ma fa credere a tutta la scuola che sia avvenuto il contrario, perché è già considerato da tutti Lo Schizzato. 

"Posso farti una domanda? Secondo te esiste un giorno perfetto?"
"Cosa?"
"Un giorno perfetto, dall'inizio alla fine. Un giorno in cui non succede niente di tragico, o di triste, o di ordinario. Secondo te esiste?"
"Non lo so."
"Te ne è mai capitato uno?"
"No."
"Nemmeno a me. Ma lo sto cercando."
La storia di Violet e Finch comincia così. In modo molto particolare, come particolari sono loro. 
Finch spinge Violet, in più di un'occasione, a uscire dalla sua zona comfort. La spinge a riappropriarsi di quel che l'incidente le aveva tolto, e anche se alcune cose possono sembrare stupide o troppo infantili, lentamente le restituiscono la Violet di un tempo. La Violet che ama scrivere. La Violet che guida senza problemi. La Violet che torna a divertirsi. Ma, allo stesso tempo, Finch cerca disperatamente di attirare l'attenzione di sua madre. Il suo modo di comportarsi è, fin dall'inizio, una chiara richiesta d'aiuto. Una muta richiesta d'aiuto. Lo spostare i mobili in camera. L'uscire in piena notte senza che nessuno gli dica nulla. Lo sparire per settimane senza che nessuno nella sua famiglia lo noti o chieda di lui. Sono tutte piccole richieste d'aiuto, che sono passate inosservate alla madre di Finch, perfino alla sorella che s'interessa di più a lui e alla sua vita: Kate. 

Man a mano che proseguivo la lettura, mi rendevo conto di una cosa. Il dolore è il fil rouge di questo romanzo. Un dolore dalle mie sfaccettature. Un dolore che viene rappresentato in un ogni sua forma.

"Ma cos'è il dolore, se non amore perseverante?"
(Visione, WandaVision)

Violet subisce, a livello inconscio, tutte e cinque le fasi del lutto. E' una cosa evidente, se siete reduci come me dalla visione di WandaVision, o se siete appassionati di psicologia (come me, anche in questo caso). L'ho notato alle due, ieri sera. La sua accettazione del dolore e del passato, è culminata con il climax del romanzo (che non vi dirò, per evitarvi spoiler). Un climax che mi ha spezzato il cuore. Un climax che ha ridotto il mio cuore in mille pezzi. 

Ho così tanto, e allo stesso tempo così poco da dire, riguardo questo romanzo. 
Sono ancora sopraffatta dalle emozioni che mi ha trasmesso. 
Sono ancora sopraffatta da tutto. 

Posso solo dirvi che merita, nonostante qualche errore di traduzione:
- confetti in inglese non significa il confetti italiano, ma significa coriandoli; 
- Brodway scritto così mi ha fatto venire l'orticaria
- il nome di Eleanor che cambiava e diventava Elenor in certi punti

E' raro, da parte mia, dare una votazione così alta a un romanzo che presenta questi errori. Non è mai successo. Neanche una volta. Quindi, capitemi: sono sorpresa quanto voi. 

Vi saluto con una citazione tratta da questo romanzo, che vi consiglio di leggere il prima possibile:
"Tu sei tutti i colori in uno, nel loro massimo splendore."
(Theodore Finch)

xoxo,
Giada

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...