martedì 1 settembre 2015

RECENSIONE de La ragazza di fuoco di Suzanne Collins

Buona sera, bloggers e lettori! Ieri sono sparita tutto il giorno perché il mio pc si è surriscaldato a causa del caldo e mi ha abbandonato, io ho avuto una crisi isterica e sono così indietro con le traduzioni che dovrò lavorare anche di notte per rimettermi in pari con tutto il lavoro che ho in arretrato. Poi naturalmente mi prenderò una pausa prima dell'inizio dell'università perché se non mi riposo un po' adesso, temo che dopo non potrò più farlo. Insomma, sapete che sono una persona che si preoccupa molto e che va in paranoia con niente.

PREMESSA
Quando ho letto il primo libro, Hunger Games, sapevo che non avrei resistito, che non ce l'avrei fatta ad aspettare di comprarmi il secondo, così ho arraffato il secondo e il terzo in biblioteca e mi ci sono fiondata. Inutile dire che mi è piaciuto tanto, tantissimo. L'ho finito come minimo venti minuti fa e sono ancora sotto shock. Chi di voi l'ha letto penso possa capirmi. #TeamKatnissandPeeta

Il secondo libro della trilogia si prende cinque stelline.

TRAMA (da Goodreads)
Grazie a una minaccia di suicidio, Katniss e Peeta hanno vinto gli Hunger Games sfidando pubblicamente lo Stato. Il loro gesto ribelle scatena la reazione nei 12 distretti di Panem, diventando un simbolo di libertà. Ma il presidente Snow non dimentica e per vendicarsi indice una nuova edizione dei giochi: un torneo in cui a sfidarsi saranno tutti i precedenti vincitori. I protagonisti finiscono così nuovamente nell'arena. E le torture fisiche e psicologiche che hanno già subito non saranno niente in confronto a quello che li aspetta...

RECENSIONE
"La ragazza di fuoco" è un libro distopico che ha soddisfatto le mie aspettative, visto che, mortacci mia, avevo visto prima il film e dopo ho letto il libro. Ad ogni modo, la storia riparte da dov'era terminata: Katniss e Peeta hanno sfidato Capitol City con il loro tentato suicidio con i Morsi della Notte, bacche velenose che hanno ucciso Fox nel primo libro e che nel film, vengono usate per uccidere Seneca Crane. Katniss ora è piena di soldi, vive nel Villaggio dei Vincitori insieme a Haymitch Aberthany e a Peeta Mellark, che insieme occupato le prime quattro case del Villaggio. Tuttavia Katniss è cosciente che è diventata un pericolo pubblico, che lei stessa, attraverso quel gesto, ha acceso la miccia della rivoluzione. Nel frattempo, conosciamo anche le vite dei personaggi dopo-gli Hunger Games e scopriamo che sia Peeta che Katniss soffrono di incubi ricorrenti legati alle loro "avventure" avvenute durante gli Hunger Games e che solo dormendo insieme riescono a dormire tranquilli durante la notte. L'evoluzione del rapporto tra Katniss e Peeta è sicuramente una delle cose che mi ha affascinato di più di questo secondo libro, è stato bello vederla passare dall'inconsapevolezza dei suoi sentimenti per lui a piano piano, diventarne cosciente - vi dico ciò perché in due punti del libro dice che qualcosa le si è mosso dentro, qualcosa che le ha scaldato il cuore e l'anima. In qualche modo, lei ha scelto tra Gale e Peeta, ma non è una scelta che può prendere ragionandoci su, ma con il cuore: e con il suo cuore ha scelto Peeta. Ora che è diventa un nemico pubblico dello Stato, il presidente Snow prima si presenta a casa sua e la minaccia velatamente, la invita a sposarsi con Peeta perché non tutti i Distretti hanno creduto alla sua commediola su quanto amasse Peeta (perché nella prima parte ci viene spiegato che lei aveva finto di amarlo per salvare la vita di entrambi) e quando si accorge, durante il Tour della Vittoria, di aver mandato tutto all'aria e di aver mandato all'aria anche i piani che Capitol City aveva per lei e per il suo futuro, il presidente Snow annuncia l'edizione speciale degli Hunger Games: l'Edizione della Memoria. L'Edizione della Memoria, ovvero i 75° Hunger Games, non so che uno strategemma ideato dal presidente Snow per uccidere Katniss, che è diventata la scintilla che ha fatto scoppiare la rivoluzione nei Distretti, che lei, la Ghiandaia Imitatrice, ha dimostrato che c'è speranza per un futuro migliore e che bisogna lottare. I Distretti sono in rivolta. Nell'arena, Katniss e Peeta conosco Beetee, Wiress (che è la prima scoprire che l'arena funziona come un orologio), Finnick Odair (Oh, è ancora più figo nel libro e sono dell'idea che la scelta di Sam Clafin sia stata azzeccata!) e Johanna Mason (inutile dire che è uno dei miei personaggi preferiti). Ma le cose non andranno come Katniss aveva previsto, e la fine dell'Edizione della Memoria lascia aperte molte domande: cosa succederà a Peeta e Johanna adesso che sono stati catturati dalle guardie di Stato? Cosa deve fare Katniss, nel distretto 13, dato che il suo distretto è stato completamente distrutto? Cosa succederà a lei e alla sua famiglia? Ha capito che ama Peeta? Che Gale è solo un amico per lei? Un cliffhanger che un recensore di Goodreads ha definito "one of best or one of the worst cliffhangers of my life" e lo capisco sinceramente, non so se sia il migliore cliffhanger che abbia mai letto o il peggiore, perché vorrei già sapere cos'è successo a tutti.

Vi saluto con due citazioni tratte da questo bel libro:
"- Amare la bellezza non vuol dire non saperle resistere. - puntualizza Peeta. - A parte forse quando si tratta di te."

"- Cosa pensi che dovremmo fare nei nostri ultimi giorni di vita?
- Io voglio soltanto passare ogni minuto che mi resta da vivere insieme a te."

Giada

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...