martedì 18 dicembre 2018

RECENSIONE DI CATTLEYA DI DEBORA C. TEPES

Buona sera, bloggers e lettori! Questa sera recensirò, per voi, uno dei migliori mafia romance del 2018: “Cattleya” di Debora C. Tepes. Il finale esplosivo della duologia di “Javier”. Un libro al cardiopalma che vi terrà incollati al Kindle giorno dopo giorno, chiedendovi cosa accadrà ai suoi personaggi. Siete pronti per la recensione? Cominciamo!

PREMESSA
Se “Javier” mi aveva conquistato, facendomi battere forte il cuore, “Cattleya” me l’ha letteralmente sfracellato, distrutto, ridotto a bradelli. Perché vi dico questo? Semplice. Perché dovete aspettarvi qualsiasi cosa, qualsiasi cosa da questo romanzo. Aspettatevi l’inaspettato. E preparatevi a piangere a più non posso. A passare notti andando a letto col magone, chiedendovi cosa accadrà a Yamile e Javier. A chiedervi se morirà qualcun altro. Io vi ho avvisato, eh!


SINOSSI (DA GOODREADS)
Cattleya, è così che mi chiamava lui, come le orchidee che accarezzavo con dedizione.
Ma i miei petali sono stati brutalmente strappati, lasciandomi spoglia e impaurita.
Lui si è nutrito di me fino all’ultimo respiro, lui mi ha ingannata senza pietà, lui ha implorato il mio perdono.
Sono trascorsi due anni e ora l’immagine riflessa allo specchio è quella di un’altra donna.
Coraggiosa come una leonessa.
Potente come il vento.
Intoccabile come Dio.
Non sono più una fragile orchidea, ora sono una grandiosa Reina. Mi riprenderò ciò che mi spetta, scenderò
a patti con il diavolo, mi sporcherò le mani di sangue.
E otterrò la mia vendetta.

Sequel del romanzo JAVIER.



RECENSIONE
Dire che ho amato “Cattleya” sarebbe un eufemismo bello e buono, io l’ho adorato. Ho amato che il mio cuore venisse spezzato da Yamile e Javier. Ho amato ogni singola riga di questo libro, e vi assicuro che lo adorerete anche voi!

Ma partiamo dal principio: Yamile è appena corsa in ospedale con la sua scorta personale a Maui, dov’è stata costretta a iniziare una nuova vita nel momento in cui, dalla fine di “Javier” ha consegnato Julio Solano e suo fratello Ricardo alla giustizia ed ha iniziato a far parte della Protezione Testimoni. La Yamile che incontriamo qui è una Yamile fragile, disperata perché l’amore della sua vita sta rischiando di morire a causa di suo fratello. La sua famiglia, con la piccola Camila, è messa in pericolo dal suo stesso sangue. Il sangue, proprio esso, sarà il fil rouge di questo sequel. Il sangue sarà un elemento che tornerà più volte, portando con sé il dolore e la sofferenza. Sì, perché Yamile ha partorito Camila da sola, senza Javier al suo fianco e si è presa cura di lei come una madre dolce e amorevole, ma non ha permesso a nessun uomo di avvicinarsi a lei, perché l’amore che provava (e che prova) per Javier è totalizzante, incondizionato, incredibile - è l’unico termine superlativo che mi è venuto in mente, dato che non riesco a trovare le parole, anche a distanza di giorni in cui l’ho finito, per descrivervi il modo in cui mi ha lasciato questo romanzo.
Non lasciarmi, non lasciarmi anche tu.
Vivi.
Fallo per me.
Fallo per nostra figlia. (...)
Vivi, Javier.
Combatti.
Sei più forte della morte.
(Yamile Solano)
Non appena Javier si sarà ripreso, condurrà Yamile e sua figlia a Los Angeles dalla sua famiglia. Ma fa la cosa peggiore che un uomo può fare in una situazione del genere: abbandonare la sua famiglia, dando più importanza al lavoro che a loro.

“La nostra vita è pericolosa, Yamile. Noi non potremo essere mai una famiglia normale, mettitelo bene in testa.”(Javier Romero a Yamile Solano)

L’unica cosa che Yamile ha sempre desiderato è una famiglia per sua figlia, un padre presente. Una normalità che non ha mai avuto, ma che ha sempre aspirato con tutta sé stessa. Un’illusione, che verrà distrutta nel peggiore dei modi, dall'unico uomo che ha sempre amato. Dall'unico uomo a cui lei si sia mai concessa.
(...) Ho smesso di confidare nel divino e nell'umanità. D’ora in poi avrò fede solo in me stessa.(Yamile Solano)
Questo, sarà il motivo scatenante, che spingerà Yamile a meditare una tremenda vendetta nei confronti di Javier. Una vendetta che si consumerà nel peggiore dei modi, in un modo tipico dei narcos: nel sangue.

Mai far arrabbiare una leonessa in gabbia, poiché quando sarà libera farà una dannata strage.(Yamile Solano)
Yamile torna in Colombia, riprendendo le sue origini da narcotrafficante, e rimettendo in sesto il cartello di droga e spaccio insieme a suo zio Rodrigo. Grazie a Rodrigo, avrà un esercito di uomo ai suoi ordini, che sono disposti anche a morire per lei. Tra di essi c’è David, la sua guardia del corpo, un uomo che Yamile soprannomina “L’Angelo della Morte”, un ragazzo cresciuto nella zona povera e malfamata di Medellìn, che portava da mangiare a casa uccidendo le persone su commissione. E’ qui, nella sua Colombia, che Yamile si spoglia della ragazza insicura e fragile, per diventare la Reina di Medellìn. Una donna spietata, crudele e pronta a vendicarsi.


(...) Il mio riflesso nella limpida vetrata sembra appartenere ad un’altra donna. Una donna sicura di sé, (...) Un cobra reale che ha appena fatto la muta e si è sbarazzato della sua vecchia pelle.Una Yamile nuova.Una vera Solano.(Yamile Solano)
I mesi passano, e Javier fa del suo meglio per smantellare il cartello di Cali - uno dei principali nemici dei Solano - i diretti responsabili della morte di Santiago e della madre di Yamile. Ma la mancanza di Yamile si fa sentire, e pian piano, Javier comincia a dubitare di sé stesso, delle sue scelte di vita, e soprattutto, riconosce che ha fatto la cosa peggiore che potesse fare, abbandonando Yamile con i suoi genitori adottivi e sparendo dalla sua vita per tutti quei mesi.

Cosa c’è in me che non va? Perché non faccio altro che distruggere l’unica donna che io abbia mai amato? Probabilmente non sono in grado di amare. So soltanto distruggere.
(Javier Romero)

Un’altra donna si staglia nella vita di Javier, ed è la bellissima (e stronzissima) Jessica Moore. Okay, lei non l’ho davvero sopportata. Debora ha fatto un meraviglioso lavoro nel renderla, cioè, l’ho destata in toto. Jessica è chiaramente interessata a Javier, e tenta di sedurlo pià volte. Nel frattempo, Javier, anche lui in Colombia, comincia a ricevere delle minacce da uno sconosciuto. Lee, al suo fianco, cerca di dargli una mano, ma l’uomo è ingestibile. Un fascio di nervi e di rabbia. Un leone in gabbia - il paragone ci stava fin troppo bene, considerando che Yamile si è paragonata a una leonessa in gabbia all'inizio.

E’ un tipo di dolore che penetra nelle ossa, fino a farle ustionare.E’ un tipo di dolore che lacera la pelle, riducendola in brandella.E’ un tipo di dolore che stringe lo stomaco in una morsa.E’ quel tipo di dolore che solo chi ha perso qualcuno chi ama ha la disgrazia di provare.(Javier Romero)

La consapevolezza di aver compiuto un errore irreparabile si fa strada in Javier giorno dopo giorno, logorandolo dentro e facendogli capire che non ci sarà un punto di ritorno da tutto ciò. Il dolore lo mangerà vivo, oppure lo farà Yamile. Perché Yamile non glielo perdonerà mai. Mai.

Ho bisogno di te, piccola orchidea.Ho bisogno di Camila.Ho bisogno di chiederti perdono e osservarti dalla finestra mentre curi le tue orchidee, mano nella mano con nostra figlia.Spero che non sia troppo tardi, amore mio. (...)Sono un uomo.Ma anche gli uomini soffrono.(Jaiver Romero)
In una sequenza impressionante di eventi, giungiamo al climax, dove finalmente Javier e Yamile si affrontano. Ma stavolta, non sarà per amarsi in modo brutale e animaleso. Sarà una resa dei conti che finirà nel sangue, in cui non verrà risparmiato niente e nessuno. Ma cosa accadrà? Yamile lascerà perdere la sua vendetta o arriverà fino in fondo, a discapito degli avvertimenti di Rodrigo? Per scoprirlo dovete leggere il romanzo *Ho scelto di interrompere qui la descrizione degli eventi perché sono a iper mega rischio spoiler e non voglio rovinarvi niente, questo romanzo merita di essere assaporato pagina dopo pagina*

“Cattleya” è strutturato in modo diverso rispetto a “Javier”, abbiamo due parti che presentano due POV diversi, una prima parte che presenta il POV di Yamile e il secondo di Javier. Solo a metà, i due POV si uniranno, permettendo al lettore di conoscere i pensieri e le emozioni dei personaggi principali. Devo dire che “Cattleya” ha superato di gran lunga le mie aspettative. Sapevo che Debora era brava, quindi non avevo alcun dubbio che questo sequel sarebbe stato all’altezza del primo, e non mi ha deluso! Lo sviluppo dei personaggi è reso in modo sublime, proprio come le ambientazioni, che fanno calare il lettore in ambienti calienti, come Medellìn e Los Angeles. Ma tutte le ambientazioni sono rese in modo realistico, ed è una cosa che ho adorato.

“Cattleya” non è un romanzo per i deboli di cuore, se lo iniziate a leggere dovete essere pronti a soffrire come non mai. Dovete essere pronti a farvelo ridurre in mille piccoli pezzetti, e lasciare che Yamile ve li calpesti con le sue Chanel. Dovete essere pronti a guardare un uomo spezzarsi sotto il peso dei sensi di colpa. Dovete essere pronti a guardare una donna abbracciare il suo lato oscuro, e a diventare la cosa da cui è sempre scappata. Dovete essere pronti a guardare un uomo e una donna combattere contro il loro desiderio di senso di protezione e contro il loro dolore, per diventare le persone che saranno... chissà. Dovete essere pronti a vedere una donna spezzata spogliarsi della sua fragilità e diventare una Reina.


Cinque stelle sono troppo poche per questo romanzo. Ne merita molte di più.
Io leggevo poco ogni giorno per evitare di finirlo subito, perché mi piaceva troppo.
“Cattleya” va assaporato pagina dopo pagina, dovete soffrire con i suoi protagonisti.


Vi saluto con una citazione da questo romanzo che vi straconsiglio di leggere, e se l’avete amato quanto me, di commentare il post qui sotto:

“Il mio cuore sanguina da anni zio, ma sta imparando a cicatrizzare velocemente.” rispondo calma.
(Yamile Solano a Rodrigo)




Xoxo,
Giada

sabato 10 novembre 2018

RECENSIONE di Forse la felicità di Egidio Mariella

Buona sera, bloggers e lettori! Sono in super ritardo con questa recensione, come sempre in ogni cosa ormai, ma stasera vi parlerò di un romanzo che ho adorato molto: “Forse la felicità” di Egidio Mariella.


PREMESSA
Quando Miriam mi ha contattata quest’estate, chiedendomi di partecipare al review party di questo romanzo, ho accettato subito. Ecco, diciamo che ho imparato la lezione: devo partecipare a pochi eventi per non ritrovarmi con una serie di libri da recensire tutti in una volta e purtroppo questo è quello ch’è successo. Insomma, c’è sempre qualcosa di nuovo da imparare nel mondo letterario.

TRAMA (DA GOODREADS)
Non c’è spazio per i sogni, lo sa bene Alessio, che ha smesso di credere in qualunque cosa. Non c’è tempo per arrendersi, lo sa bene Luca, che al destino non intende concedere alcuna libertà. Sullo sfondo della loro amicizia si apre uno scontro che sembra non avere né vinti né vincitori, mentre sui ricordi sparsi nella loro casa di periferia si accumula, senza sosta, quel sottile strato di polvere, all’apparenza innocuo, ma in realtà destinato a soffocare anche ogni loro desiderio. Eppure i sogni non muoiono mai. A volte, semplicemente, passano di mano.

RECENSIONE
“Forse la felicità” è un romanzo introspettivo che parla di due amici che si sono conosciuti all’università, Alessio e Luca. Alessio e Luca sono due persone molto diverse, che risentono ancora della disillusione della realtà nelle loro vite: Alessio era un promettente dipendente di un’azienda a cui era stato proposto di lavorare in India per un anno, e lui vi ha rifiutato per rimanere a Roma. Luca è un eterno bambino, innamorato dell’idea di amore e alla continua ricerca della sua ‘ideale’ principessa.

Insieme, i due amici affronteranno i problemi dell’età adulta, come i colloqui di lavoro – visti dal punto di vista del giovane neolaureato e dell’uomo che spera di trovare qualcosa per poter mangiare. L’amore è un altro perno fondamentale del romanzo, anzi, potrei dire ch’è quel motore che lo fa partire, perché sin dall’inizio vediamo Alessio depresso e triste per la fine della sua storia con Sara. Sara, quest’ultima, che alla fine ha accettato un lavoro in Inghilterra, piena di speranze e promesse che non sa se verranno realizzate. E poi c’è Federica e la bella vicina del loro appartamento, una donna all’apparenza felice che aspetta un figlio da suo marito.

Man mano che la storia prosegue, il lettore si sente sempre in bilico: se da una parte vorrebbe dare ragione a Luca, dall’altra sa che le disillusioni di Alessio sono reali. Tante volte, durante la lettura, mi è sembrato di vedere due persone che vedono la vita in modo diverso, Alessio con la tristezza e l’amarezza che gli eventi nefasti della vita possono portare, e Luca instancabilmente sognatore e speranzoso. A volte, vi verrà da dare ragione a Luca. Altre volte, ad Alessio. Ma il fatto è che, secondo me, hanno ragione entrambi. La felicità è qualcosa di effimero, ma la si può raggiungere solo mettendosi in gioco e rischiando.

L’appartamento di Alessio e Luca è un piccolo microcosmo nel quale i due amici si sono adattati a vivere, lontani dalle speranze di gloria di quand’erano dei semplici ventenni. La vita, a trent’anni, è molto più difficile. E’ molto più difficile trovare lavoro, l’amore e formare una famiglia. E quindi uno cosa fa? Attraverso le loro profonde riflessioni su tutto ciò, comprendiamo quanto sia la mancanza di un punto fermo nella vita di entrambi a provocare questa sensazione di sfasamento interiore. Perché è questa la sensazione che i due protagonisti mi hanno dato: sono due persone che hanno perso chi sono, e stanno cercando di dare un senso a sé e alla loro vita.

Lo stile di Egidio è fluido, ma ricco di introspezioni. A mio avviso, il romanzo rientra nella narrativa d’impronta psicologica, perché questo romanzo ti spinge a riflettere sui tuoi ideali e su quanto e come questi influiscano sulla tua vita. Il messaggio, tra le righe, è molto chiaro: la felicità è qualcosa di astratto, qualcosa a cui si può arrivare solo attraverso un evento che riscuota le tue fondamenta e ti faccia capire cosa c’era che prima non andava. Ma è anche qualcosa di volatile, qualcosa che non appena l’hai presa, ti può sfuggire tra le mani.

Sono tante le citazioni che mi sono piaciute, ma lascio che voi scopriate questo romanzo pagina dopo pagina, così da trovare quelle che vi sono rimaste nel cuore – vi chiedo pertanto di commentare il post e metterle qui sotto, in modo da confrontarci su di esse.



Xoxo,
Giada

domenica 28 ottobre 2018

RECENSIONE di If We Leap di Nina Lane/ REVIEW of If We Leap by Nina Lane



Buona sera, bloggers e lettori! Ho scritto la recensione di questo romanzo all'inizio del mese scorso, ma a causa di ciò che è successo non ho avuto il tempo fisico per postarla nel blog. A tutti gli anglofoni che mi seguono: consiglio questo romanzo tantissimo! Nina Lane è stata una piacevole scoperta!




PREMESSA
Sono stata scelta da Inkslinger PR per recensire questo romanzo, e anche s'ero impaziente dopo aver letto il suo sequel, come vi dicevo sopra, mi sono successe delle cose molto brutte negli ultimi due mesi che mi hanno impedito di pubblicarla subito - dal furto in ufficio alla perdita di mio zio. Perciò mi sto riprendendo un po' per volta, e visto che il mio tanto odiato blocco dello scrittore è tornato a sei capitoli dalla fine della scrittura del mio romanzo, ho pensato di pubblicare queste due recensioni - o una, a seconda di che ora finisco di scrivere questa. Buona lettura!

TRAMA (DA GOODREADS)
Salterà con me?

Cole Danforth era un ragazzo problematico con una brutta reputazione. Quando avevo nove anni, mi ha salvato dai bulli della scuola che mi avevano rubato le mie caramelle di Halloween. E' in quel momento ch'è iniziata la mia cotta decennale per lui.

Adesso, nell'estate del mio primo anno di college, ho scoperto che quel ragazzo è diventato un uomo che mi fa sciogliere ancora di più. Ogni parte di me lo desidera - il mio cuore, la mia mente, il mio cuore. Ma Cole, che sta ancora lottando con il peso del suo passato, rifiuta di accettare il fatto che noi due possiamo funzionare insieme.

Io credo in noi abbastanza da rischiare e cogliere l'occasione. Ma Cole salterà con me?

Questa novella ha luogo 10 anni prima di "If We Fall, Book One" della dilogia di "What If" di Nina Lane.

RECENSIONE
Cavolo! Questo romanzo ha spezzato il mio cuore il mille piccoli pezzi e non sono nemmeno da dove iniziare a descrivere tutte le intense emozioni che mi ha causato! Sebbene la storia sia bella, ci sono state alcune cose che non mi sono piaciute e che hanno fatto abbassare il mio voto.

Ma iniziamo dall'inizio: Josie Mays è una bella ragazza di Castille, Maine, che adora tantissimo (tuttavia è riduttivo dire che le ama tantissimo) i dolcetti rossi. Conosce Cole Danforth da anni, però ha trovato il coraggio di parlargli da poco, durante il carnevale al molo. Cole Danforth è uno strano, ogni ex compagno di scuola superiore di Josie lo definisce tale, ma lei ha sempre creduto che ciò non fosse vero e ha lottato per far conoscere il vero Cole. Al carnevale, Josie è con le sue amiche e incontra Richard e i suoi amiconi. Richard l'ha sempre bullizzata, specialmente durante le scuole superiori e persino quand'era piccola, e anche se sono cresciuti, certe cose non cambiano - non importa quanta acqua scorra sotto al ponte. Lei ha sempre avuto un'enorme cotta per Cole, perché loro erano perfettamente strani insieme, e in qualche modo le loro stranezze li rendevano perfetti l'uno per l'altra, e anche se Cole lo rifiuta, il bacio bollente che si scambiano dimostra chiaramente l'opposto.

Come dicevo sopra, Josie adora tutto ciò che sa di ciliegia... ma nessuno ha ancora colta la sua ciliegia. Capito? ;) Non so quanti miei lettori italiani sappiano del gioco di parole qui presente sulla parola 'ciliegia' (cherry), perché 'cherry' qui significa 'vagina'. Pensate alla strofa della canzone di Demi Lovato "Cool for the Summer"... yeah, Demi parla delle sue 'zone private' in quella canzone. Ma il suo amore per Cole è ancor più profondo di ciò che pensava. Insieme, tenteranno di far crollare le loro reciproche barriere difensive.

“I’m not a fan of heights.” I slipped my phone back in backpack. “Fear of falling, I guess.”
A smile tugged at his mouth. “What if you fly?”
I chuckled. “Then I’d be a bird.”
(Cole Danforth and Josie Mays)

C'è molto sotto la superficie di ciò che pensiamo, e lo sviluppo dei personaggi è basato su una premessa. Una premessa che ho adorato fin dal principio e di cui faccio fatica a trovare le parole, tanto è bella! Il loro amore sembra pronto per affrontare ogni difficoltà che incontreranno lungo il loro cammino. Si conoscono dall'asilo e in un certo modo avevano una cotta reciproca, ma la cotta ha avuto modo di essere un'appassionante storia d'amore solo undici anni dopo. Questo prequel ha luogo prima del primo romanzo della dilogia, ma contiene dei flashbacks riguardanti gli 11 prima,  dove Cole era, al tempo, ancora calmo ma molto timido, Josie era chiacchierona e aveva quella che io chiamo 'diarrea verbale'. 

Il libro sembrava perfetto, fino a quando non ho trovato tre diverse descrizioni dell'aspetto fisico di Cole: in una è alto e ha i capelli mossi castano scuro, nell'altra è biondo e in un'altra ha i capelli castani di nuovo. Perciò devo dire che sono confusa, perché il ragazzo nella cover non è per niente biondo. Il libro era davvero buono, e gli avrei dato cinque stelle invece di quattro se non avessi trovato questo errore di editing.

I salute you with a quote from this book, a book that I loved really much. Stay tuned for the next reviews of “If We fall” and “If We Fly” duet. 
Vi saluto con una citazione tratta da questo romanzo, un romanzo che ho adorato con tutta me stessa. Stay Tuned per le prossime recensione di "If We Fall" e "If We Fly".
“What if I could be the one to show him how much he deserved to be loved?”
(Josie Mays)




Xoxo,
Giada

venerdì 5 ottobre 2018

REVIEW PARTY DE LA DAMA DEI MEDICI DI JEANNE KALOGRIDIS

Buona sera a tutti, bloggers e lettori! Ultimamente i miei impegni si stanno accavallando l'uno sull'altro, rendendomi quasi impossibile riuscire a fare tutte le cose che vorrei, e questo mi ha portato a pubblicare in leggero ritardo la recensione de "La dama dei Medici" di Jeanne Kalogridis, riguardante il Review Party di ieri. Mi scuso con la Newton Compton e con Martina per questo ritardo, mi dispiace molto non essere riuscita a rispettare le tempistiche. Spero che la recensione vi piaccia, buona lettura!

PREMESSA
Ho conosciuto Jeanne Kalogridis, come scrittrice, quando avevo appena aperto il blog: "La lettrice di tarocchi" è stato il primo romanzo storico che ho recensito qui nel 2015. Amo i romanzi storici, tanto quanto quelli fantasy e dark contemporary/romance. Jeanne ha uno stile di scrittura riconoscibile, preciso e netto come il taglio di una lama, e inutile dirvi che ho adorato questo romanzo, a cui ho dato quattro stelle. In ritardo, come sempre, ma ecco il mio post per il Review Party.

TRAMA (DA GOODREADS)
1478. La Firenze dei Medici si arricchisce dei più grandi artisti del mondo grazie a Lorenzo il Magnifico. Nei vicoli e nelle strade malfamate, intanto, continua la quotidiana lotta per la sopravvivenza degli ultimi, destinati al silenzio della storia. Giuliana è un'orfana cresciuta nel famoso Ospedale degli Innocenti: la sua indole ribelle l'ha resa fin da piccola una presenza sgradita. Così, all'età di quindici anni, è stata messa davanti a una scelta: entrare in convento o sposarsi con un uomo che non amava. Piuttosto che piegarsi, Giuliana ha preferito fuggire. Durante i due anni passati sulla strada, è sopravvissuta grazie a piccoli furti, imparando a confondersi tra la folla dopo aver svuotato le tasche giuste. Ma tutto cambia quando una delle sue vittime, un anziano signore, la coglie con la mano nella sua borsa. Invece di portarla in prigione, l'uomo, presentatosi come "il Mago di Firenze", le fa una proposta: diventare la sua assistente. Così, tra rivelazioni esoteriche e sottili stratagemmi, Giuliana sarà messa a parte della misteriosa attività del cabalista, custode di un segreto che ha a che fare con il suo oscuro passato...

REVIEW PARTY
Mi è sempre difficile iniziare una recensione di un romanzo appena finito che ho adorato, questo è il caso de "La dama dei Medici". E' stato bello 'vedere' attraverso gli occhi dell'autrice la Firenze del 1400, riscoprire ciò che adoravo alle superiori, ovvero l'arte fiorentina di questo periodo, dalle formelle del Brunelleschi a Verrocchio. Una parte di me è tornata l'adolescente che amava storia dell'arte, una delle poche era impaziente perché arrivasse quella lezione obbligatoria del suo corso di studi. Lo ammetto, gran parte del mio amore per l'arte lo devo alla mia professoressa delle superiori, Isabella, che mi ha fatto conoscere e amare un mondo antico che mi ha travolta sin dalla prima lezione. Quindi, in parte, questa recensione la voglio dedicare anche a lei e alla grande insegnante che è sempre stata per me. Penso che tutti dovrebbero incontrare un insegnante che gli apre gli occhi su un mondo così vasto quanto interessante come quello dell'arte, io sono stata fortunata.

È questo il bello di Firenze. Anche i più poveri tra noi sono orgogliosi della nostra architettura e della nostra arte.

Ma torniamo al romanzo: Giuliana è un'orfana cresciuta allo Spedale degli Innocenti, una ribelle dall'animo nobile, con un occhio verde e uno marrone. Non ha mai avuto paura di esprimere la propria opinione e di affrontare l'autorità, quando questa calpesta i più deboli. Cacciata dall'orfanotrofio al compiere del sedici anni, Giuliana diventa un'abile borsaiola, derubando i più ricchi presso le due taverne nella zona malfamata di Firenze, quella del Fico e quella del Buco. E' qui che viene colta in fallo da ser Giuseppe, che la obbligherà a fare ciò che dice per evitare la galera e, una sorta molto peggiore come la morte ai ceppi. Tommaso, il piccolo aiutante di Giuliana, scappa per le vie fiorentine, triste e angosciato per la sua amica. Tuttavia, Giuliana riuscirà a trovare il modo di volgere la situazione a suo favore, con un po' di fortuna e aiuti esterni, farà in modo di mettere al sicuro Tommaso, la sua amica Cecilia e la sua bimba Ginevra.

Affezionarsi a qualcuno, me compresa, era stupido e basta: perché a quel punto, avrebbe pianto fino a impazzire, e questo non avrebbe fatto altro che renderlo una preda più facile. Perché mai sennò la mia vita faceva tanto schifo? Dio e paradiso erano per le persone buone, gentili, che potevano permettersi di volere bene.
Una caratteristica peculiare di Giuliana è senza dubbio la sua fermezza, ma giocano un ruolo molto importante la sua caparbietà e il suo coraggio, necessari per sopravvivere nel mondo italiano dell'epoca. Infatti, una donna sola e senza accompagnatore veniva considerata una prostituta o un'accattona, ed è per questo che lei, sin dall'inizio, ha preferito venire scambiata per un ragazzo. La cosa la preoccupava così tanto, che non si è mai preoccupata di smentire i suoi amici, tranne forse Cecilia, l'unica che sapeva ch'era una donna. Devo dire ch'è stata davvero molto abile nel fare in modo che la messinscena sul suo vero sesso venisse nascosta fino al momento culminante, perché dev'esser stato molto difficile per una donna fingersi un uomo, per quanto brava fosse. Voglio dire, potevano controllargli le brache e cos'avrebbero fatto se avessero scoperto che non aveva il pisello, ma ben altro? Tommaso è l'elemento debole, anzi, potremmo dire ch'è il punto debole di Giuliana proprio come Cecilia, perché per quanto lei dica di non avere un cuore, di non provare sentimenti d'amore e d'amicizia, alla fine sono quelli che vengono di più a galla durante la lettura.

Nessuno, pensai, avrebbe mai potuto farmi piangere. Avrei ben presto scoperto che sbagliavo.

L'ambiente fiorentino è reso magistralmente, proprio come l'aspetto storico del libro - gli usi e i costumi dei fiorentini del 1400 sono molto realistici, quasi tangibili per il lettore che sfoglia le pagine del libro. Durante la lettura, tutti i cinque sensi vengono stimolati in modo eccezionale, catapultando il lettore in quel passato che ha forgiato il mondo che conosciamo noi oggi.

Il libro, scritto dal POV di Giuliana, ci permette di comprendere appieno come vivessero i disadattati della società, in che condizioni erano costretti a vivere e soprattutto, in che condizione versavano gli orfanotrofi dell'epoca. Molti bambini, infatti, si ritrovavano senza genitori a causa della peste o di epidemie violente. Giuliana, man a mano che la storia prosegue, si ritroverà costretta a fare una scelta: è più forte il suo patriottismo, o il suo legame con i suoi amici? Lo scoprirete solo leggendo il libro!

CALENDARIO REVIEW PARTY

Vi saluto con una citazione tratta da questo romanzo che vi consiglio, nonostante gli errori di battitura e qualche errore di editing trovato all'inizio e alla fine del libro. Lo trovo davvero ottimo, merita un sacco:
"(...) tutto ciò che prima era confuso mi parve chiarissimo: ci sono persone per cui vale la pena vivere e morire. E persone per cui vale la pena uccidere. Dopotutto, sarei comunque andata all’inferno."
(Giuliana)

xoxo,
Giada

domenica 30 settembre 2018

REVIEW PARTY DI THE CHOSEN ONES - BECOMING LUCIEL DI CAITLYN CORAL

Buona sera, bloggers e lettori! Dieci giorni fa ho iniziato questo romanzo, un vero gioiellino di fantasy italiano che mi sento di consigliarvi sin d'ora. E' un romanzo che vi terrà incollati alle sue pagine, non riuscirete a staccarvene e spesso, andrete a letto chiedendovi cosa succederà ai suoi protagonisti.

PREMESSA
Quando Miriam mi chiese se ero interessata a partecipare all'RP di Caitlyn Coral, ho accettato subito. Adoro i fantasy, specie quelli con un po' di mistero e crescita personale dei personaggi. Posso già dirvi che mi è piaciuto davvero molto e che gli ho dato quattro stelle su Goodreads. Merita davvero, leggetelo.

TRAMA (DA GOODREADS)
La vita di Adam Finch non potrebbe andare peggio: la scelta del college è alle porte, ha appena troncato l'amicizia con il suo migliore amico e, come se tutto ciò non bastasse, iniziare a soffrire di sonnambulismo è la ciliegina sulla torta.
L'ultima cosa che Adam desidera è essere additato come il pazzo della piccola cittadina in cui vive, ma niente riesce a impedirgli di lasciare la sua camera e vagabondare di notte.
Quando i suoi sogni si fanno più strani e dei lividi iniziano a comparire sul suo corpo, gli stessi che crede di aver ottenuto in sogno, è facile cadere nel panico. Lo è ancora di più quando Nina, una ragazza nella sua classe di Spagnolo, gli rivela di avere il suo stesso problema e che nulla di quella malattia è casuale.
Tra incubi terribili, poteri sovrannaturali e il rischio di morire sul serio, Adam dovrà affrontare ciò che uno come lui non ha speranze di superare: una battaglia, la Battaglia degli Eletti.

REVIEW PARTY


Adam Finch è il tipico adolescente di provincia, una provincia in particolare, quella del libro, sperduta e come spesso ci viene detto da Adam "dimenticata da Dio".  Secondo me, date le informazioni che ci vengono date dall'autrice (come le sterline), credo d'aver intuito che il villaggio si trovi nel nord dell'Inghilterra, vicino alle foreste. uttavia, da qualche settimana Adam ha iniziato ad aver paura di andare a letto, perché fa il sonnambulo e si ritrova ogni notte davanti a un bosco. E' quello che nei telefilm americani rientra nel canone del protagonista sfigato che subisce una trasformazione, perché è questa l'impressione che mi ha dato. Adam è abituato, forse fin troppo, a vivere ai margini della società, a subire passivamente qualsiasi cosa gli capiti perché sa che qualcuno gliela risolverà al posto suo - in realtà, fin troppe volte l'ho trovato irritante. A volte il suo lamentarsi continuo mi ha fatto venir voglia di lanciare il Kindle contro il muro *scappa*

Quando alla festa per il senior year decide finalmente di rivolgere la parola alla stramba e "pazza" Nina. Nina è la ribelle del romanzo: una ragazza curiosa, intelligente e sveglia che vuole venire a capo di quello che le sta succedendo. Sarà grazie a lei, infatti, che Adam scoprirà gli elementi in comune delle tante religioni che si sono mostrate nei loro sogni - c'è la mitologia egizia, quella celtica (le rune) e quella propria del romanzo.

Un essere misterioso, incappucciato e con una maschera a becco - che ricorda ciò che usavano i veneziani durante la peste nera nel nord Italia - diventerà il loro mentore. Grazie a lui, non solo impareranno a maneggiare le armi e a combattere, ma conosceranno anche i loro punti deboli e quelli forti.

Man a mano che il romanzo prosegue, i personaggi subiranno un'evoluzione personale che li porterà a crescere, e a prepararsi per ciò che li attende: la Battaglia degli Eletti. Ma la vera domanda è, chi sopravvivrà di loro due in questa Battaglia? Chi riuscirà a sedere sul trono degli Dèi?

C'è un appunto che voglio fare a proposito del romanzo, e anche se viene detto nello stesso che Adam non è gay, non posso fare a meno di sottolineare la chimica pazzesca tra lui e Richard "Rick", il suo ex migliore amico, ragazzo popolare nel suo liceo, che a mio avviso è molto più di ciò che appare. Molte volte, durante la lettura del libro, mi sono ritrovata a desiderare che si baciassero. Per me loro sono la ship della ship, c'è stata una scena verso il 50% del romanzo, il modo in cui Richard l'ha avvicinato a sé, che faceva trasparire ben altro. Non so se questo costituisca spoiler o meno, ma la mia curiosità riguardo a ciò è enorme. Li shippo da morire insieme, migliori amici o ex migliori amici che siano. Per me sono la coppia perfetta!

Vorrei salutarvi con una recensione tratta dal romanzo, ma non trovo più il quadernetto dove di solito scrivo tutto e sono in panico totale! SOS! Soccorso!


CALENDARIO REVIEW PARTY




xoxo,
Giada

giovedì 13 settembre 2018

UNA MACCHIA SULLO SFONDO - DALLA PARTE DEL CUORE DI VALENTINA G. BAZZANI

Buon giorno, bloggers e lettori! Il racconto che ho il piacere e l'onore di presentarvi è di una scrittrice di cui ho già recensito un romanzo in passato, la dolce Valentina G. Bazzani <3 Il progetto prevede che ogni blog posti un racconto che affronta una tematica precisa. Buona lettura!





UNA MACCHIA SULLO SFONDO, DI VALENTINA G. BAZZANI


Fumo negli occhi. Fra i capelli aggrovigliati dal sudore, nei polmoni affamati di ossigeno, fra i pensieri disordinati. C’è fumo ovunque, intorno a me, fra corpi accalcati e tesi nello sforzo di divertirsi a tutti i costi, i drink buttati giù tutto d’un fiato, le sigarette fumate con le braccia alzate, la musica che ci riverbera dentro ma non ci tocca mai. Un altro sabato sera, in poche parole. Come tanti altri, sbiaditi e confusi. Ma stasera è diverso. La musica è più chiara, definita.
Vorrei che fosse così anche per me.
Ma sono solo una macchia sullo sfondo.

La vedo, unico volto nitido in quella massa informe e vibrante. I capelli rossi spiccano tutte le volte che salta a ritmo con la mia musica. Vorrei sapesse che suono aspettando il momento di vederla emergere dalla folla.
Vorrei strappare quel velo di fumo bianco che ci separa, scendere dal palco e andare da lei. Ma se lo facessi, se infrangessi quella barriera, tutto finirebbe, e io ho paura di mostrarmi per quello che sono veramente: una persona anonima, senza nulla di speciale eccetto il talento per la musica.
Una macchia che ha cercato di staccarsi dallo sfondo.

Ha gli occhi chiusi, come se noi non esistessimo e lui stesse suonando solo per sé stesso. Bevo più di quanto dovrei, salto perché lo fanno gli altri, trascinata da una forza che mi spinge ad alzare i piedi. Gli amici mi chiedono che cos’ho e dopo pochi tentativi si arrendono. Mi lasciano da sola e vanno a cercare divertimento altrove, non sono di compagnia stasera. Perdo la nozione del tempo, perché sono voluta venire? Non stiamo più insieme, continuo a ripetermi. Cerco di farmi notare.
Perché non lo vede?
Perché non mi vede? 
Tutto si fa confuso, tranne la sua voce che risuona nitida nella mia testa. È lei a tenermi a galla.

La cerco ma non la vedo. Ancora un pezzo e avremo finito. Cerco di concentrarmi sugli accordi ma non ci riesco, sono troppo nervoso. Alzo lo sguardo e lei è di nuovo là, ma non da sola. Sta ballando insieme a un uomo. “Non importa”, mi ripeto. “Non stiamo più insieme”. Ma non riesco a staccarle gli occhi di dosso.
Perché non lo vede?
Perché non mi vede?
Lui le sussurra qualcosa all’orecchio e si allontanano dalla pista da ballo. Io concludo il pezzo, lascio la chitarra a terra fra le proteste di tutti e scendo dal palco, nel panico. Ripenso alla nostra storia. Agli attimi mancati e alle parole taciute e a quelle che ci siamo gettati addosso solo per orgoglio. Rivedo tutto questo, mentre mi faccio largo verso l’uscita con il cuore pesante e spingo la porta a vetri.

Delle mani mi coprono gli occhi. Non lo vedo, ma so che è lui. Il braccialetto che gli ho regalato per il nostro ultimo anniversario tintinna. Il suo odore emerge tra la puzza di sigarette e sudore. Sorrido. Mi giro e i suoi occhi grigi mi fissano, con un’intensità che non mi hanno mai rivolto prima.
Parla a bassa voce: «Scusami se non ti ho detto nulla del tour. Scusa se non ho apprezzato quello che ogni giorno fai per me. Pensavo che la musica fosse la cosa più importante della mia vita. Ma tu mi rendi quello che sono, dai valore a ogni mia canzone. Ora lo so. Lo vedo.»
Poso le mani sui suoi polsi. Ci siamo rincorsi tutta l’estate, solo per arrivare a questo punto.
«Io ti sosterrò sempre, Alex. Ma stasera ho capito che non voglio più vivere nella tua ombra. Voglio sollevare i piedi e staccarmi dallo sfondo grazie ai miei quadri, come tu hai fatto con la musica. Sei stato proprio tu a mostrarmi come fare. Devo trovare la mia strada da sola.»
Lui mi accarezza la guancia e annuisce, consapevole che con ogni probabilità quello è un addio.
«E allora fallo. Salta oltre le tue paure. Io sarò sempre lì e ti guarderò spiccare il volo.»



xoxo,
Giada

martedì 11 settembre 2018

REVIEW PARTY DE LA TEORIA IMPERFETTA DELL'AMORE DI JULIE BUXBAUM

Buon giorno, bloggers e lettori! Dopo aver passato due settimane senza scrittura, a causa di problemi i vario genere, ho avuto modo di leggere alcuni dei romanzi al cui review party avevo aderito mesi fa. Il primo di questi è "La teoria imperfetta dell'amore" di Julie Buxbau, un romanzo profondo che lascia il segno.


PREMESSA
Pochi sono i libri che mi riducono come mi ha ridotto questo: con i lacrimoni e col magone addosso... chiudere il libro, finire la storia di Kit Lowell e David Drucker è stato come lasciare due amici. Perché la loro storia ha molte sfaccettature, ma l'accettazione di se stessi è di sicuro il suo tratto fondamentale. Ringrazio con tutto il cuore DeA Libri per avermi permesso di partecipare a quest'evento: sapevo che il romanzo era buono, e il mio intuito non ha cannato. Posso già fin d'ora consigliarvelo, se siete pronti a leggere un romanzo che vi sconvolgerà (in senso buono).

DATI
Titolo: La teoria imperfetta dell’amore
Autrice: Julie Buxbaum
Casa editrice: De Agostini
Pagine: 380 pag.
Prezzo: 6.99 euro (ebook) | 14.90 euro (cartaceo)
Data di uscita: 04/09/2018
Link d’acquisto: https://amzn.to/2wupjBe

Trama: 
E se amore e amicizia fossero due risultati diversi della stessa equazione? A volte basta cambiare prospettiva per dare senso al mondo. Da quando suo padre è morto in un incidente d’auto, Kit non è più la stessa. Non ha più voglia di ridere, scherzare o confidarsi con le amiche di sempre. L’unica cosa che desidera è chiudere fuori il mondo intero e voltare pagina. Per questo decide di lasciare il tavolo affollato a cui si siede ogni giorno in mensa e prendere posto a quello di David. David, che gira per i corridoi della scuola con le cuffie nelle orecchie e non parla con nessuno. David, che è un genio della fisica ma quando si agita trema come una foglia. I due non potrebbero essere più diversi, ma lentamente quei pranzi in solitudine diventano un appuntamento fisso, atteso, e tra sguardi e parole sussurrate, Kit e David imparano a essere amici. Forse qualcosa di più. Fino a quando David decide di aiutare Kit a ricostruire che cosa è successo il giorno in cui suo padre è morto. Perché David non sopporta le questioni irrisolte, non sopporta le equazioni lasciate a metà. E farebbe di tutto per ricomporre i pezzi del cuore infranto di Kit. Ma il sentimento che li lega sarà abbastanza forte per resistere alla verità? Dall’autrice bestseller di Dimmi tre segreti, un romanzo che esplora la complessità della vita e della morte con una penna leggera e commovente.

Dicono del libro: 
«Julie Buxbaum ha scritto una storia d’amore incredibilmente universale.» - Cath Crowley, autrice di Io e te come un romanzo

«Un romanzo affascinante, divertente ed emozionante insieme.» - Nicola Yoon, autrice bestseller di Noi siamo tutto


Biografia autrice: 
Julie Buxbaum è un’autrice bestseller internazionale e i suoi lavori sono stati tradotti in venticinque lingue. Vive a Los Angeles con il marito e i loro due figli. Con DeA Planeta Libri ha pubblicato Dimmi Tre Segreti e La teoria imperfetta dell’amore.
Potete trovare Julie online all’indirizzo juliebuxbaum.com e seguirla su Twitter @juliebux.

RECENSIONE


Nonostante la giornataccia che ho avuto, sto facendo del mio meglio per concentrarmi e parlarvi di questo bellissimo libro. *Respiro zen* La cosa strana è che, dopo quello che mi è successo appena poche ore fa, il significato insito in questo romanzo è proprio quello di cui avevo bisogno. Questo romanzo, dopo tutto e le parole della scrittrice, sono un balsamo in questo momento a cui posso ricorrere grazie al mio quadernetto che si trova vicino al computer.

"La teoria imperfetta dell'amore" non è la classica storia d'amore e non è nemmeno il classico romanzo di narrativa, è qualcosa di più. Una piccola perla che ho avuto il piacere e l'onore di leggere. Ma partiamo dal principio: David Drucker è un ragazzo di sedici anni con la Sindrome dell'Asperger, che gli provoca difficoltà relazionali, e il quale ha una grande intelligenza, tanto che il suo QI è 168. Da sempre, David ammira da lontano la bellissima Kit Lowell, desiderando un giorno di poter parlare con lei e immaginando come sarebbe accarezzarle i capelli o poter sfiorare con mano i suoi particolari nei sulla spalla. I suoi pensieri, spesso saltano di pale in frasca, e se prima ci ritroviamo a leggere degli Incontri Degni di Nota o la Lista delle Persone di Cui Fidarsi, ci ritroviamo davanti a un flusso di coscienza composto da pensieri all'apparenza slegati tra loro, ma che invece slegati non lo sono.

I genitori scelgono i nomi dei figli nel momento in cui hanno, in assoluto, la minore quantità di informazioni sulle persone che stanno nominando. 
L'intera pratica è illogica.
(David Drucker)

Durante la lettura del romanzo, scopriamo che David possiede un quaderno dove si è scritto i nomi, i tratti salienti dei suoi compagni di classe e di scuola e anche tutti i loro Incontri Degni di Nota, e quelli meno di nota - ovvero ciò che li lega a lui. Tuttavia, l'unico motivo per cui lui usa quel quaderno è per ricordarsi i nomi dei suoi compagni e di chi deve o non deve fidarsi, perché in passato si è pentito amaramente di aver dato fiducia al bullo Justin Cho. Kit Lowell, dopo la morte a causa di un incidente stradale di suo padre, ha deciso di allontanarsi dalle sue amiche e decide di sedersi al tavolo di David, perché la sua tranquillità e il suo silenzio sono la cosa di cui ha bisogno in quel momento. 

A quanto pare capiscono che il mondo è grande e vario e che "diverso" non è la stessa cosa di "spaventoso". E' incredibile quanto facilmente le persone confondano le due cose. (Kit Lowell)
La loro amicizia, fragile e nuova, delicata e solida, nascerà tra i tavolini della mensa della loro scuola superiore sotto lo stupore di tutti. Kit, il cui vero nome è Katherine, è figlia del Dentista di David, una ragazza mulatta per metà indiana e per metà americana. Da sempre, lo scontro tra culture ha reso difficile il rapportarsi con i suoi nonni, ma spesso secondo me Kit non sapeva chi fosse. E' una ragazza popolare, piena di amici, ma molto fragile. Molto spesso, mentre leggevo il libro, mi sono ritrovata a chiedermi perché Kit non mostrasse la vera se stessa a tutti, ma la risposta è retorica: chi vuole o desidera essere escluso a sedici anni dal suo gruppo di amici? Tuttavia, la cosa bella di Kit è che non ha giudicato David sin dal primo momento che si è seduta con lui, gli ha permesso di entrare in punta di piedi nel suo mondo e gli ha permesso di comprenderla e di scavare a fondo nella sua anima e nel suo cuore.


Potrà anche essere strambo, ma il mondo fa già abbastanza schifo senza che le persone si comportino male tra loro.
(Kit Lowell)

In un crescendo di avvenimenti, raggiungiamo la parte centrale e finalmente conosciamo la sorella di David, Lauren Drucker. La bellissima Lauren sta attraversando un periodo difficile al college, ed è tornata a casa con la scusa di proteggere il suo fratellino. In qualche modo, i due Drucker si faranno forza a vicenda, nel momento più delicato per entrambi. Perché, se Lauren finalmente si aprirà con sua madre, David subirà una trasformazione fisica che lo renderà il ragazzo più ambito e figo della scuola. Ad alcuni utenti Goodreads questa parte non è piaciuta, ma io sento di essere d'accordo con Kit quando gli dice che finalmente il suo aspetto esteriore coincide con quello interiore. Non è quello che siamo all'esterno che conta, ma ciò che abbiamo nel nostro cuore, e David adesso è bello quanto la sua bella personalità. 

Che cosa dobbiamo fare con te?Come se fossi un lavoro di gruppo.Per una volta mi piacerebbe che la risposta fosse: nulla.Per una volta mi piacerebbe che, prima di tutto, questa domanda non venisse fatta.(David Drucker)

Il finale, dal sapore dolceamaro, lascia i lettori con la consapevolezza che quando muore qualcuno di a noi caro, ci restano solo due scelte: crogiolarci nel dolore e nella commiserazione, oppure lottare con le unghie e con i denti per la nuova possibilità che la vita ci ha dato. Anche se è un libro autoconclusivo, io ho considerato il finale aperto. Perché? Perché mi sto ancora chiedendo cos'altro potrebbe succede tra loro, che li avvicini. Perché mi sto chiedendo se riuscirò a farli diventare la nuova OTP. 

Se tutti insieme saltassimo fuori dalle nostre scatole e facessimo a pezzi le nostre stupide etichette? 
Chi scopriremmo?
(Kit Lowell)

La scrittura di Julie Buxbaum è semplice, ma molto d'impatto. Le emozioni che riesce a trasmettere con sole poche sintetiche righe è impressionante, ma ancor più impressionante è come questa storia mi abbia distrutto il cuore più e più volte. Credo che siano state più le volte che avevo il magone ed ero sull'orlo di un bel pianto che non i momenti in cui ero felice. Le emozioni dei personaggi entrano sottopelle, facendo vivere al lettore le stesse emozioni dei personaggi. 

Una risoluzione pacifica è sempre preferibile allo scontro. (...)
Penso a tutti quei messaggi. A come sono sempre stato considerato meno di niente. 
Perché essere normali è come loro?
(David Drucker)

Vi saluto con una citazione tratta da questo bellissimo libro, che vi consiglio con tutto il cuore se siete alla ricerca di un romanzo dolce, ma dai significati profondi e denso di dolcezza e coraggio di superare un evento traumatico.
"Ho paura, Miney."
"Tutte le persone migliori ne hanno" risponde. 
(Lauren e David Drucker)

xoxo,
Giada

venerdì 7 settembre 2018

RECENSIONE di Shiver di Maggie Stiefvater

Buona sera, bloggers e lettori! Sono molto raffreddata, ma per fortuna non ho la febbre e non vedo l'ora di recensirvi un romanzo che ho terminato di leggere un po' di tempo fa e a cui ho dato tre stelline, "Shiver" di Maggie Stiefvater. Non avevo letto mai niente di suo finora, e non posso dire che questo libro mi abbia particolarmente entusiasmato, perciò gli ho dato tre stelline. Buona lettura!

PREMESSA
"Shiver" era nella mia To-read list da una vita, credo di aver rimandato tante volte la sua lettura perché temevo di ritrovarmi una storia alla Twilight, il che visto l'anno di uscita (2009) mi ha fatto riflettere a lungo. Sì, lo so che non è uguale a Twilight, ma visto che il genere a cui appartiene è lo stesso l'associazione che ho fatto con la saga della Meyer è stata automatica. Quindi vi prego, fan della Stiefvater, non odiatemi per questa mia associazione! E' stata una cosa del tutto involontaria che ho fatto non appena ho cominciato a leggere il romanzo.

TRAMA (DA QLIBRI)
Grace e Sam non si sono mai parlati, ma da sempre si prendono cura l’una dell’altro. Perché Grace, fin da piccola, sorveglia i lupi che vivono nel bosco dietro casa sua, e in particolare uno dotato di magnetici occhi gialli, che negli anni è diventato il suo lupo. E perché Sam da quando era un bambino vive una doppia vita: lupo d’inverno, umano d’estate. Il caldo gli regala pochi preziosissimi mesi da essere umano prima che il freddo lo trasformi di nuovo. Grace e Sam ancora non si conoscono, ma tutto è destinato a cambiare: un ragazzo è stato ucciso, proprio dai lupi, e nella piccola città in cui vive Grace monta il panico, e si scatena la caccia al branco. Grace corre nel bosco per salvare il suo lupo e trova un ragazzo solo, ferito, smarrito, con due magnetici occhi gialli. Non ha dubbi su chi sia, né su ciò che deve fare. Perché Grace e Sam da sempre si prendono cura l’una dell’altro.

RECENSIONE
Credo di non essere una grande appassionata di paranormal romance, ormai sono nel mio periodo dark e ho bisogno di romanzi prettamente erotici, romantic suspense o dark contemporary (di cui leggerete presto le recensioni nel blog), tuttavia questo era un romanzo che rimandavo da troppo tempo di leggere. Dunque, ci sono state tante cose che mi sono piaciute del libro, ma anche una sua enorme caratteristica che mi ha fatto abbassare il voto. Quale? La scoprirete solo leggendo.

Ma partiamo dal principio: Grace è una ragazza di sedici anni che vive a Boundary Wood, una cittadina canadese la cui caratteristica principale è un grande bosco che si estende per acri, vicino al quale vive lei. Quand'era piccola, Grace è stata attaccata da dei lupi che l'hanno tirata giù di forza dall'altalena in cui stava, e mentre lei era pronta per morire, un lupo dagli occhi gialli è accorso in suo aiuto a salvarla. Venne morsa, ma l'unica cosa di cui si ricorda di quel giorno sono quegli occhi gialli. Adesso Grace ha sedici anni, è un'adolescente normale, alla ricerca di se stessa, che ha cresciuto sé stessa perché i suoi iperimpegnati genitori non ci sono mai a casa. Sam è un ragazzo di sedici anni, salvato dal capobranco per salvarlo da una situazione familiare brutta, da una famiglia disfunzionale che lo odiava e che non sopportava ciò che era diventato. La scena delle vene tagliate di Sam nella vasca di bagno dei suoi genitori è una scena che non dimenticherò mai, nel modo più assoluto. Mi ha scioccata, traumatizzata. Sam vorrebbe solo essere umano: andare a scuola, uscire con gli amici, avere una vita normale; invece è costretto a vivere la doppia vita del lupo. Ma quando il suo capobranco trasforma Jack Culpeper, lo stronzo popolare della scuola, il branco è in pericolo: cosa riuscirà a fare il branco per evitare di venire scoperto dagli umani?

Una caratteristica fondamentale di questi lupi mannari è davvero molto interessante: la loro mutazione è condizionata alle stagioni, quindi loro possono restare umani solo durante l'estate e tornano lupi durante l'inverno. La breve durata della stagione estiva accorcia sempre più il loro tempo come umani, ma la cosa più interessante per me è che i lupi possono vivere solo per pochi anni come umani, prima di trasformarsi come lupi e rimanere lupi per sempre. Il senso di catastrofe imminente, riguardante il disperato tentativo di salvare Sam e Jack dalla loro forma lupesca spinge Isabel, la sorella di Jack Culpeper, e Grace e iniettare ai loro amici il sangue contenente la meningite. Prima di ciò, assisteremo alle scene dolci e romantiche tra Grace e Sam, al loro lento progredire dell'amore reciproco che provano l'una verso l'altro, ma credetemi, se vi dico che è lento, è davvero molto molto lento. 

La pecca di questo romanzo, che per scene evocative e piccolo sviluppo dei personaggi si sarebbe potuto guadagnare almeno quattro stelline da me, è l'estrema lentezza. Credo di non essermi mai annoiata tanto come leggendo questo libro, è una lentezza esasperante.. Io posso capire che la storia debba andare sviluppata, ma non così piano. Comprendo molto bene gli utenti di Goodreads che hanno messo una stellina, ci sono delle parti in cui mi mettevo a sbadigliare tanto mi stavo annoiando. E un altro particolare mi ha un po' perplessa, i genitori di Grace sono assenti in ogni modo possibile, ma come fanno a non accorgersi che per mesi lei ha un ragazzo che dorme in camera sua? Voglio dire, va bene la suspension of disbelief, ma così è troppo. Come l'insta-love nel momento in cui lei lo ha riconosciuto... Queste sono solo alcune delle motivazioni che mi hanno spinto a dare tre stelline, la sufficienza piena. Considerate che non vi ho messo tanti altri particolari che non mi sono piaciuti perché sarebbero spoiler, ma ci sono tante cose che secondo me potevano essere rese meglio nel libro e che avrebbero di sicuro accelerato il ritmo narrativo, coinvolgendo molto di più il lettore. 

Forse leggerò il secondo romanzo della serie, forse no, mi auguro solo che migliori perché in questo avrei voluto prendere a schiaffi Grace per la sua ingenuità - ed era da Abby Abernathy (Uno Splendido disastro) e Tessa (After), Sam nel complesso mi è  piaciuto come personaggio. Lo avrei voluto con un po' più di spina dorsale e coraggio, le cosiddette 'palle' che non ha mai tirato fuori. 

Vi saluto con una citazione tratta da questo romanzo, che nel complesso non era male, ma nemmeno una gran bellezza; per questo ha preso la sufficienza tirata e quindi tre stelline.
"Aspettava di cambiare, io aspettavo di cambiare, ed entrambi volevamo ciò che non potevamo avere." 
(Sam Roth)

xoxo,
Giada

lunedì 3 settembre 2018

RECENSIONE di Beast di Measha Stone/ REVIEW of Beast by Measha Stone

Buona sera, bloggers e lettori! Da quando è iniziato il tempo uggioso, il mio umore è peggiorato radicalmente, a ciò vanno unite alcune cose di cui non posso parlare ma che mi hanno influenzato negativamente... perciò anche se ho finito molte settimane fa di leggere questo romanzo, ho avuto bisogno di tempo per riprendermi dalle brutte avventure che mi sono successe. "Beast" è un romanzo originale, un retelling piccante che sono sicura piacerà a molte di voi <3 Buona lettura!


PREMESSA
Quando vidi la cover di questo romanzo su Booksprout.co (sito dove i lettori e blogger possono scaricarsi i romanzi da recensire, entro un tot di tempo deciso dall'autore - è un sito che gli autori possono usare a scopo promozionale, un po' come Bookfunnel) me ne sono sentita subito attratta. Come vi dicevo, il romanzo è un retelling molto hot di una favola che tutte abbiamo amato da piccole: La Bella e la Bestia. Diciamo che vorrei più retelling di questo tipo, perché mi è piaciuto un casino.

SINOSSI (DA GOODREADS)
Rinunceresti a tutto per la persona che ami?

Quando il padre di Ellie viene sequestrato da un gruppo di malviventi che voglio ucciderlo per saldare il suo debito con loro, non è una sorpresa il fatto che lei finisca nella tana del leone. Dopo tutto, Ellie Stevens è sempre stata la protettrice di suo padre, da quanto ricorda.
Tuttavia, Ashland Titon non è un uomo caritatevole. Se sei in debito, devi pagare. Fine della storia. Attraverso il suo sprezzante controllo, ha costruito il suo impero e non è pronto per lasciar andare quel potere adesso. Ma quando Ellie piomba nella sua vita con i suoi ordini e le possibilità di una dolce arresa, la sua offerta risulta una tentazione troppo grande a cui rinunciare.
Ma c'è molto di più in gioco che di un debito da ripagare. Ci sono segreti sepolti nelle ombre, e un pericoloso desiderio da esplorare. Mentre i due danzano a un ritmo erotico, forze esterne minacciano l'impero di Ashland ed Ellie deve decidere dove risiede il suo cuore - e cos'è disposta a rischiare per amore. 

RECENSIONE
Inizierò questa recensione intanto scusandomi di averla postata con così tanto ritardo, ma ci tengo a sottolineare per l'ennesima volta quanto mi sia piaciuto questo retelling. Autrici americane, se volete leggere due romanzi italiani, erotici, liberamente ispirati alla "Bella e la Bestia", vi consiglio di leggere "Lui vuole me" e "Lei vuole me" di Ava Lohan! Super consigliati!
Ellie Stevens è una ragazza coi piedi per terra che lavora duramente per ripagare i debiti di suo padre, ha due lavori e gestisce il Café di suo padre. Ma suo padre non sembra interessato nell'impegno che lei ci sta mettendo nel tentare di salvare il suo futuro, seguendo un corso al mese per college e rendendole quasi impossibile finire l'università in tempi ragionevoli. Quando due criminali lo cercano per via di un grosso debito fatto, lei incontra Ashland Titon e si vende a lui per salvare la vita di suo padre. Ma Ashland assomiglia così tanto alla Bestia (della Bella e la Bestia), che il suo soprannome è proprio Bestia e ha un'ala segreta del suo palazzo, vietata ad Ellie. Inutile dire che Ellie farà quanto è in suo potere per scoprire cosa Ashland le sta nascondendo, e non ve lo dirò, perché dovrete scoprirlo leggendo il romanzo. Proprio come la rosa morente della "Bella e la Bestia", questo segreto, una volta rivelato cambierà permanentemente le cose tra loro. Ashland è famoso per non avere un cuore, per essere senza pietà e per usare le donne fino a quando non si stufa di quella di turno per passare alla precedente, ma la verità è che Ellie lo aiuterà a trovare la sua 'umanità', proprio come Belle farà con il Principe Adam/La Bestia.

Il libro, devo ammetterlo, è così bollente che ha ispirato alcune scene piccanti del mio romanzo. Ma, a parte questo, questo romanzo è davvero indimenticabile e che si legge tutto d'un fiato, a cui ripensi anche se l'hai finito un mese fa. Ricordo ancora il buon cuore di Ellie, la sua lealtà e la sua testardaggine, e la piccantezza di Ashland, mischiata al suo modo di fare scontroso e bestiale. 

E' stato scritto dal POV di Ellie, e lo sviluppo dei personaggi è stato reso in modo così effettivo grazie alla bellissima scrittura dell'autrice. I personaggi sono semplici, dark e sono onesti sin dall'inizio per quanto riguarda lottare per le persone che amano, per le quali sono disposti a fare qualsiasi cosa. Vi raccomando caldamente questo romanzo che considero un retelling, non n mafia romance... per me questa è un retelling hot di una favola.

Questa è la mia richiesta per gli autori: scrivete di più retelling 'per adulti', l'ho amato e ne voglio ancora! Cavoli, questo romanzo è così piccante che non potevo più fare a meno di Ellie e Ash, e mi sto ancora chiedendo cosa succederà a loro dopo il finale, io speravo quasi che si sposassero o che Ellie rimanesse incinta. 

I greet you with a quote from this amazing book that I find deliciously spicy and hot: 
Vi saluto con una citazione da questo romanzo:
“Forgetting him was the only way to survive, because living with his memory would kill her.”
(Ellie Stevens)



xoxo,
Giada

giovedì 9 agosto 2018

RELEASE PROMOTION OF HARD GLAMOUR, BROKEN GLAMOUR & FAST GLAMOUR BY MAGGIE MARR



***********

💙 💛 💚About The Book 💙 💛 💚


💙 💛 💚 Purchase Today  💙 💛 💚 
#HardGlamour : books2read.com/glamour1
#BrokenGlamour :books2read.com/glamour2

Bad-boy movie star, Dillon MacAvoy, has a dark past and a goal to be the biggest star in the world. A bad-boy that can't-be-tamed, Dillon is on the brink of superstardom when Lane Channing enters his life. She's young and naive and he's hard and experienced. Their attraction is wild and undeniable, a fierce fire that heats up the LA night and could destroy both their lives.


Amanda Legend grew up rich and privileged. Anything was hers for the asking, thanks to her superstar father. That is until Amanda's honesty about bad behavior from her soon-to-be-new stepmom, a former school chum, lands Amanda on the outs with her beloved father. No trust fund. No rarified world. Even if Amanda never wanted the LA lifestyle, she now must survive on her own.

A comeback takes heart....

Ryan Sinclair was nearing the pinnacle of his movie career when he drove his Porsche off Malibu Canyon Road. Lucky to be alive, post rehab, he's ready to start the long climb back to the top. But to prove to Hollywood that he won't relapse, he's required to get a sober companion.

A job she never wanted with the man who helped destroy her life....

Amanda Legend may loathe the entertainment world, but she understands the rules. She also knows Ryan Sinclair, understands alcoholics (she grew up around a few), and now, after being banished from her posh lifestyle, she needs a paycheck to get to New York. Amanda accepts the job as sober companion to Ryan Sinclair for his first film post rehab. But Amanda must learn to ignore her attraction to Ryan, because falling for a guy like him would pull her back into a world she desperately wants to escape.

Sterling Legend and Rhiannon Bliss fell in love but her parents sent Rhiannon away. Now, years later, she's back and can't resist Sterling's bad-boy ways. When family secrets and lies threaten their newfound love they wonder is there anyway that they can be together when their families were so desperately hurt by each other in the past?

TEASERS






ABOUT THE AUTHOR:

Maggie Marr is the USA Today Best-Selling author of over 20 hot contemporary romances. She got her start in Hollywood pushing the mail cart and eventually became an motion picture literary agent. You can find her at all the usual spots like FB, Twitter, and Pinterest or at www.maggiemarr.net She is a pop culture addict and when she isn’t writing or reading you can find her binge-watching her favorite shows. You can always email her at maggiemarrbooks@gmail.com


CONNECT WITH THE AUTHOR: 

xoxo,
Giada

mercoledì 8 agosto 2018

FREE BOOKS & MORE BY STACEY MARIE BROWN

Hi sweeties! Stacey Marie Brown has a lot of news of us, as you may know her last book of the Lightness Saga is finally out! Scroll down the post for know what she has for us!


DARKNESS SERIES:


COLLECTOR:

City In Embers:
Amazon Universal: http://bit.ly/2nSBLag
B&N: http://bit.ly/2pc8YPr
Smashwords: http://bit.ly/2oas6tc
iBooks: http://apple.co/2orTBPS
Kobo: https://goo.gl/CiMu2D


The Barrier Between:

Amazon Universal: http://bit.ly/2oBatDz
B&N: http://bit.ly/2uq5MBo
Smashwords: http://bit.ly/2uRKai8

Across The Divide:
Amazon Universal: http://bit.ly/2oQEb73
B&N: http://bit.ly/2tEE6Kr
Smashwords:http://bit.ly/2uQMsya

From Burning Ashes:

Amazon Universal: http://bit.ly/2o29wGH
B&N: http://bit.ly/2v0Wptl
Smashwords:http://bit.ly/2vCB4Uq
iBooks:https://goo.gl/jCW7BY
Kobo: https://goo.gl/ictFe4


LIGHTNESS SAGA:


xoxo,
Giada

COVER REVEAL OF LOVE SINCERELY YOURS BY SARA NEY & MEGHAN QUINN

Hello sweeties! A little late like always, but here you can find the cover reveal of the upcoming book by Sara Ney and Meghan Quinn! Love! Xoxo


Release Day Oct 9th

Dear Mister...**strike out** no, too formal.

Hey there sweet cheeks *strike out* no, too forward.

To whom it may concern,

Full disclosure; before we move forward with this email, I would like it to be known that I have consumed an adequate amount of alcoholic beverages to intoxicate myself tonight. Three margaritas, two shots, and one beer—because it was free.

I think it’s important to be open and honest with your co-workers, don’t you?

So here I am, being honest. Drunk but honest. Or just drunk with lust? You decide.

I like you so much it’s clouding my judgment and making me do things I never would sober. Like write this letter.

I have a hopeless, foolish, schoolgirl crush on you when you are the last person on earth I should be falling for. Did you know people around the office call you a sadist? An egomaniac. An insensitive, arrogant prick. Your bark is worse then your bite, and you don’t scare me. The fact is, I’d love that bite of yours to nip at my bare skin while we’re both wearing nothing but sheets.

For once I want you to look at me as more than one of your employees. 

And as long as we're being honest, that navy blue suit you wear? With the crisp white shirt? It really makes me want to loosen your tie and show you who’s boss.

Love,
Sincerely,
Yours.

GOODREADS: https://www.goodreads.com/book/show/41054028-love-sincerely-yours

AMAZON: https://amzn.to/2KyHyd1

AMAZON UK: https://amzn.to/2M087O9

AMAZON AU: https://amzn.to/2OIQUGq

Barnes & Noble: https://bit.ly/2vLLyBR

iBooks - https://itunes.apple.com/us/book/love-sincerely-yours/id1423164744?mt=11




ABOUT THE AUTHORS

Sara Ney is the USA Today Bestselling Author of the How to Date a Douchebag series, and is best known for her sexy, laugh-out-loud New Adult romances. Among her favorite vices, she includes: iced latte's, historical architecture and well-placed sarcasm. She lives colorfully, collects vintage books, art, loves flea markets, and fancies herself British.

She lives with her husband, children, and her ridiculously large dog.

Facebook | Twitter | Instagram | Newsletter | Website




Born in New York and raised in Southern California, Meghan has grown into a sassy, peanut butter eating, blonde haired swearing, animal hoarding lady. She is known to bust out and dance if “It’s Raining Men” starts beating through the air and heaven forbid you get a margarita in her, protect your legs because they may be humped. 

Once she started commuting for an hour and twenty minutes every day to work for three years, she began to have conversations play in her head, real life, deep male voices and dainty lady coos kind of conversations. Perturbed and confused, she decided to either see a therapist about the hot and steamy voices running through her head or start writing them down. She decided to go with the cheaper option and started writing… enter her first novel, Caught Looking.

Now you can find the spicy, most definitely on the border of lunacy, kind of crazy lady residing in Colorado with the love of her life and her five, furry four legged children, hiking a trail or hiding behind shelves at grocery stores, wondering what kind of lube the nervous stranger will bring home to his wife. Oh and she loves a good boob squeeze!

Facebook | Follow on Goodreads | Website | Amazon Author Page | Instagram | Follow on BookBub

xoxo,
Giada
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...