sabato 5 novembre 2016

BLOGTOUR DE LE CRONACHE DEGLI ARCANGELI DI ALEXIS ANN FLOWER: ESTRATTO

Buon giorno, bloggers e lettori! E' con grande piacere che vi do il benvenuto alla nuovissima tappa del blogtour de "Le Cronache degli Arcangeli", edito Harper Collins Elit e scritto dalle scrittrici Alexis Ann Flower. Di seguito troverete tutti i dati sul romanzo e leggerete l'estratto. Buona lettura!

SCHEDA DEL LIBRO
Titolo: La cacciatrice
Autore: Alexis Ann Flower
Serie: Le cronache degli Arcangeli
Editore: Harper Collins
Data: 31 Ottobre 2016
Genere: Paranormal Romance
Categoria: Angeli


 SINOSSI
Un'antica profezia parla dell'unione di un angelo e di un demone, del destino che si compirà nel momento in cui i loro sguardi si accenderanno di passione. Un'antica profezia parla della nascita del distruttore, colui che assurgerà al regno dei cieli e lo piegherà al suo volere.


Cassandra Rowling è nota come la Cacciatrice, ma nessuno dei vampiri cui dà la caccia da anni è mai riuscito a sopravvivere alla sua micidiale arma, Luce nelle tenebre. Una sera, però, in una villa texana, Cassandra fa un passo falso e solo il pronto intervento del misterioso Rafe la salva da morte certa. Da quel momento, la sua vita prende una piega inaspettata. Rafe infatti le promette di portarla dall'uomo che conosce il nome dell'assassino del suo amato padre James, ma quando, dopo un viaggio estenuante, lei si ritrova in un rifugio inaccessibile in mezzo alle montagne non può credere a ciò che le viene raccontato: il suo passato sembra ora una menzogna, il presente un incubo e il futuro una orribile e devastante profezia. Una unica luce, in mezzo a quelle tenebre, è il lampo di passione che Cassandra legge negli occhi di Azrael, due pozze argentate che la perseguitano perfino nei sogni...


ESTRATTO

«Ti sarai chiesto perché ti ho portato qui» esordì.
            «Sono sicuro che adesso me lo dirai tu, no?» ribatté Michael, sarcastico.
            «All'inizio non nego che il mio obiettivo primario fosse quello di vendicarmi di voi pennuti e di Dio. Quell'ottuso maschilista avrebbe voluto vedermi sottomessa a quel pusillanime di Adamo, ma non c'è riuscito. Bella fine hanno fatto, lui e quella gatta morta di Eva...» osservò divertita. «Poi mi hai portato via l'amore della mia vita... mi hai privata del mio caro maritino, spedendolo dove nessuno è in grado di liberarlo... e tu sai quanto ho sofferto dopo aver perso Lucifero» disse mimando uno sguardo malinconico. «In seguito, tuttavia, è accaduto qualcosa che mi ha portata a rivedere le mie priorità.»
            Seguì una breve pausa.
            «Tu conosci Elijah, vero Michael?» tornò a dire.
            Il cuore dell'arcangelo mancò un battito e un atroce sospetto cominciò a farsi strada nella sua mente.
            «Non occorre che ti disturbi a rispondere, il pallore del tuo volto è abbastanza eloquente» commentò Lilith, tronfia. «Sei qui per la profezia» affermò.
            «Stai bleffando» asserì Michael. La pergamena era sempre stata al sicuro, lontano da mani maligne.
            «Ma perché non ti fidi di me? Pensi davvero che sarei capace di dire bugie?» domandò mettendo su un finto broncio. Dopo sbuffò sonoramente e si staccò di nuovo da lui. «Voi maschi... dovete sempre polemizzare.» Aprì uno scomparto del tavolino da cui estrasse una pergamena, quindi gliela sventolò davanti agli occhi. «È stata vergata con il sangue del profeta. E grazie a questa porterò la rovina nel mondo. Sono sicura che conoscerai già il suo contenuto, ma voglio ugualmente rinfrescarti la memoria» dichiarò cominciando a declamare i versi.

E verrà il tempo in cui la signora del fuoco
incontrerà l'angelo dell'aria,
sotto l'egida oscura della brama e della lussuria.
Gli sguardi s'accenderanno e nella passione
si compirà il loro destino.
Concepiranno il Distruttore,
colui che ogni barriera potrà attraversare.
Non avrà nessun pegno da pagare per varcare le soglie del Paradiso
e discendere nelle viscere dell'Inferno,
le fiamme non potranno nulla contro di lui
e i cherubini abbasseranno le spade al suo cospetto.
Il Fato guiderà la sua mano e
la Morte e l'Inganno avrà come compagni.

            «Che ne è stato di Elijah?» ruggì Michael quando Lilith ebbe terminato di leggere, tendendo le catene in preda all'ira.
            «Era stato nascosto bene, lo ammetto, ma alla fine i miei adepti sono riusciti a stanarlo. Peccato per quei poveri angioletti che gli facevano da cani da guardia» dichiarò, mostrandosi quasi dispiaciuta.
            «L'hai ucciso, non è così?»
            «Oh no, non gli ho torto nemmeno un capello, io!» affermò la donna con una risata, portandosi la mano al petto. «Ma sai, era così restio a confidarsi, quindi hanno dovuto persuaderlo. Ci sono voluti tre giorni, ma alla fine ha cantato come un usignolo. È morto subito dopo, lo sforzo gli è stato fatale.»
            «Maledetta assassina, giuro che ti conficcherò la mia spada nel cuore, non appena ne avrò l'occasione» promise l'arcangelo.
            «Sei un povero illuso, Michael. Da qui uscirai solo per assistere alla rovina della tua specie. Distruggerò il tuo Dio e tutte le schiere celesti. Farò della Terra il mio regno incontrastato e gli umani mi venereranno come loro unica regina. Non avrai più un Paradiso a cui ritornare, rassegnati!» gli sibilò sulla faccia, mostrando la sua vera natura.
            «Sei tu che ti illudi. Il tuo piano non si realizzerà mai. Non cederò alla tentazione... sei solo feccia!» replicò lui riservandole uno sguardo sprezzante.
            «Si sta già realizzando, mio caro» sostenne Lilith scoppiando in una risata astuta.

xoxo,
Giada

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...