venerdì 18 giugno 2021

RECENSIONE DI ROYALS DI RACHEL HAWKINS

Buona sera, Fantastics! Ho appena finito, e molto a fatica, il mio primo romanzo di Rachel Hawkins: forse sarebbe stato meglio che mi fossi approcciata a questa autrice con la trilogia fantasy di Incantesimo, perché questa sottospecie di chick-lit misto royal è stato davvero molto pessimo. Personalmente, penso che sia stato il romanzo peggiore che io abbia letto in questo 2021. In assoluto.

PREMESSA
Ho sentito parlare molto di Rachel Hawkins, in Italia è nota soprattutto proprio per la trilogia che volevo cominciare. Col senno di poi, sarebbe davvero stato meglio che lo avessi fatto. Royals non è un granché. Non l'ho trovato particolarmente interessante. E se, all'inizio, mi stava simpatica Daisy, col passare del tempo mi è stata sempre più sulle palle. Le sue battute spiritose, all'inizio piacevoli e geek, sono diventate sempre più pesanti e insopportabili. Proprio come la sua palese gelosia nei confronti di Eleanor, anche se una parte di me può capirla in questo. Una parte di me aveva empatizzato con lei per questo, ma poi è andato tutto allo scatafascio. A voi è piaciuto? Vi va di parlarne nei commenti?

TRAMA (DA AMAZON)
«Dolce, romantico, semplicemente adorabile.» Buzzfeed
Il vero principe azzurro arriva quando meno te lo aspetti

Daisy Winters ha una vita normale. Vive in Florida, ha sedici anni, capelli color rosso fuoco da sirenetta, impossibili da domare, un lavoro part-time in un supermercato, e una sorella a dir poco perfetta che si è appena fidanzata. In effetti, il futuro cognato non è un ragazzo qualunque: è l’erede al trono di Scozia! Per Daisy, che non ha alcun desiderio di stare sotto i riflettori, si preannunciano mesi impegnativi. Costretta a cancellare i suoi piani estivi, Daisy vola nel Vecchio Continente, per conoscere i regali parenti dello sposo, tra cui il bellissimo principe Sebastian, sempre al centro delle attenzioni dei tabloid con la sua vita sregolata e la sua discutibile cricca di amici, tanto aristocratici quanto affascinanti e turbolenti. Nonostante cerchi di mantenere un basso profilo, Daisy viene risucchiata da questo mondo sfavillante e dai suoi scandali: riuscirà a trasformarsi in una vera Lady senza rinunciare a essere se stessa?

RECENSIONE
Royals, come dicevo più su, era partito con le migliori premesse. Empatizzare con la protagonista, la geek Daisy Winters sembrava facile, in fondo aveva i miei stessi interessi e andava matta per una specie di saga sci-fi che ricordava molto Star Trek. Il problema di questo romanzo è, in sostanza, la sua protagonista: Daisy. 

Daisy Winters è la sorella minore della nuova fidanzata dell'erede al trono di Scozia, Eleanor. Da ormai tre anni, Daisy è costretta a vivere all'ombra della sorella. E' costretta a rinunciare alle cose che le piacciono. E' costretta a rinunciare agli eventi che le interessavano, proprio perché prima di qualsiasi cosa sua, veniva la sorella. Qui, sarò sincera, Daisy mi aveva conquistata. La capivo. La capisco. Non so da quanto tempo mi sento così. Non so da quanto tempo sento che le mie cose vengono sempre dopo. Quindi, è stato facile entrare in empatia con lei. Ma quando il suo ex ragazzo diffonde, su TMZ, una dichiarazione falsa, all'improvviso l'interesse della corte reale si focalizza su di lei ed è, perciò, costretta ad andarsene dal nord della Florida e trasferirsi, per l'estate, in Scozia.

In Scozia, oltre ad appassionarsi agli usi e costumi della regione, le viene affibbiato un finto fidanzato. Fatalità, proprio il ragazzo che a Daisy stava sulle palle e fatalità quello a cui faceva sempre battutine della malora pensando di essere simpatica. Questo continuo spingere sull'ironia e sul sarcasmo, se all'inizio poteva anche risultare piacevole da leggere, a lungo andare diventava quasi fastidioso. Inoltre, penso che questo romanzo avesse bisogno di una notevole ripassata dal correttore bozze e, sopra ogni cosa, un buon editing. Daisy non viene approfondita molto, come personaggio. Proprio come Ellie. 

Tutto il romanzo è scritto dal POV di Daisy, pensieri compresi. In certi punti mi ha ricordato, un po', un mix tra Mare e America. Questo è tanto dire, perché penso che siano due delle protagoniste più irritanti e fastidiose degli ultimi YA che ho letto.

Non ho alcuna citazione da postarvi, perciò vi saluto qui.

xoxo,
Giada

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...