lunedì 7 dicembre 2015

RECENSIONE di Distruggimi di Chiara Cilli

Buon pomeriggio, bloggers e lettori! La seconda recensione che faccio dopo tanto tempo riguarda un libro che ho atteso con ansia di leggere, di cui ho assistito la stesura grazie al gruppo di Chiara Cilli e che ho divorato in TRE GIORNI. Tre giorni. Questo mi capita solo quando un libro è scritto molto bene. E questo libro riconferma il talento di Chiara Cilli. Ma è meglio che non mi dilunghi troppo, cominciamo la recensione.



PREMESSA
Che emozione, che gioia poter leggere questo libro in anteprima! Ero indecisa se leggerlo o meno perché temevo che mi salisse l'ansia per la preparazione dell'esame che devo dare in febbraio e che quindi non riuscissi a godermelo come si deve, invece no! La mia ansia c'è, ma è in un angolino della mia mente.

TRAMA (da Goodreads)
Credevo di essere sopravvissuta all'orrore. Mi sbagliavo.
Credeva di potermi sfuggire. Ma non ha scampo da me.

Non riesco a liberarmi di lui.
Non le permetterò di cacciarmi dalla sua mente.

È nella mia testa, nel mio sangue, nelle mie ossa.
È un mostro che vuole impossessarsi della mia anima e farla a brandelli.

Henri Lamaze è l'incubo di morte da cui non sarò mai in grado di svegliarmi.
Aleksandra Nikolayev è l'ultimo demone che devo sconfiggere.

Questa volta non riuscirò a contrastare il suo veleno.
Questa volta sarò io a non sopravvivere a lei.

È finita.
E non posso accettarlo.


**Attenzione**
Romanzo Dark Contemporaneo
Questo romanzo contiene situazioni inquietanti, scene violente, linguaggio forte e rapporti sessuali di dubbio consenso o non consensuali. Non adatto a persone sensibili al dolore e alla schiavitù.

RECENSIONE

Bello. Bello. Bello. Davvero, non c'è altro modo di iniziare questa recensione. Questo libro è sconvolgente, emozionante, coinvolgente, ricco di azione e di avventure e di una cosa che c'era, ma non era principale nel primo libro: la violenza psicologica che si fanno Aleksandra ed Henri. La storia riparte con Aleksandra che, tornata a casa, riprende con difficoltà in mano la propria vita e affronta il verme schifoso di suo padre. Sì, il padre di Aleksandra sembra provare ancora qualcosa per Henri e questo la disgusta così tanto che vuole che sia lui stesso a dire a sua madre la verità, cosa faceva quando andava a casa dei Lamaze. Questa gif è tutta per il padre di Aleksandra:

Henri non riesce a continuare la sua vita senza Aleksandra, ormai il loro legame malato è andato oltre i soprusi fisici e adesso tutta l'azione si sposta sul luogo mentale, nella mente di Aleksandra e nella mente di Henri. Ma Chiara ci da' subito qualche indizio sulla personalità di Armand e André, infatti in più di un'occasione i ricordi del loro passato, degli abusi e dei soprusi, sembrano emergere dalla parte più recondita della loro memoria e li turbano. Ad ogni modo, questa gif è per Henri, e credo che dirlo a nome di tutte le fan e appassionate lettrici di Blood Bonds:

Armand invece si è reso conto del legame malsano tra Henri e Aleksandra e pensa che dividerli sia la cosa migliore beh, ricordo a tutte le lettrici, che Henri risparmia la vita per ben tre volte nel corso del romanzo di Aleksandra, non vi dico in che contesto e in che modo, ma lo fa. La risparmia quando avrebbe dovuto mettere fine alla sua vita. 


E André? André odia ancora a morte Aleksandra per aver giocato con la mente di Henri, per aver quasi distrutto la loro famiglia e per aver quasi sperato di poterlo cambiare.

Vi dico solo che il modo in cui termina il romanzo mi fa reagire in diversi modi diversi, mi astengo dal dirvi di più:

Giada

1 commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...