lunedì 20 marzo 2017

RECENSIONE de La Rosa e Il Deserto di Lorenza Bartolini

Buon pomeriggio, bloggers e lettori! Oggi alle tre ho finito il romanzo di Lorenza Bartolini, un fantasy con elementi romance molto molto bello, che mi ha fatto desiderare di aver già comprato il seguito per poterlo leggere.

PREMESSA
Ho passato una settimana a leggere romanzi in inglese e non trovavo romanzi italiani che mi coinvolgessero, perciò ho deciso di iniziare "La Rosa e il Deserto" di Lorenza Bartolini perché, dopo tanti romanzi dark, avevo bisogno di un bel fantasy per staccare. Beh, questo romanzo si è rivelato veramente piacevole e scorrevole e più volte ho dovuto fermarmi per non finirlo subito. Ho voluto godermi la lettura del libro rallentando un po' la lettura :)

TRAMA (da Goodreads)
Marylya, bella e vivace principessa del Regno del Nord, deve mettere da parte la sua innata voglia di libertà ed accettare di sposare Mikelle, il principe del Regno del Sud, per rafforzare l'oramai duratura pace tra i due popoli, dopo un passato di sanguinosi conflitti. Il giovane però si rivela spietato e insensibile nei confronti della sposa, e, come se non bastasse, la sorella di Mikelle, Sadyoh, non tarda a mostrare tutta la sua ostilità e antipatia verso Marylya. L'unico ad esserle amico e pronto a sostenerla è Meros, fratellastro di Mikelle, che al fianco della principessa si troverà ad affrontare una battaglia dall'alta posta in gioco: la riconquista della pace tra i Regni.

RECENSIONE
Tanto tempo fa, due regni (il Regno del Nord e il Regno del Sud) si sono fatti una guerra e hanno proseguito per anni a uccidersi a vicenda per secoli. Ora, per assicurarsi rifornimenti di legname e imbarcazioni, il re Ludvik III ha deciso di dare in sposa la sua bellissima e vivace figlia minore, Marylya Rhood, al principe Mikelle del Regno del Sud. Il matrimonio combinato sta stretto a Marylya, che si oppone con tutte le sue forze a esso, non frequentando le lezioni di storia e cultura e non comportandosi come una principessa. Sì, Marylya non è la classica principessa. E' prima una ragazzina, poi una ragazza e infine una donna che si oppone allo strapotere maschile e alla società patriarcale in cui vive, alla ricerca del vero amore e della libertà che le manca. Marylya infatti è ricchissima, ma vive in una prigione dorata in cui non può realizzare nemmeno i suoi desideri più basilari. Al suo fianco ci sono la sorella maggiore Selenia, una stupenda e aggraziata fanciulla che si sposerà con l'uomo designato da suo padre e i gemelli Kieene (o Kienne?) e Moraw. Ecco, per quanto riguarda il nome del fratelli sono davvero confusa. All'inizio del romanzo ci viene detto che uno dei fratelli gemelli si chiama Kieene, poi proseguendo la lettura il nome diventa Kienne e infine ritorna Kieene. Io non so quale sia il suo nome. Man a mano che si prosegue nella lettura, veniamo a conoscenza degli uomini e delle donne del popolo del Sud, tra cui Mikelle (tanto bello quanto perfido), Meros (il fratellastro di Mikelle e uomo dal cuore buono), Sadyoh (la perfida sorella di Mikelle e Meros) e le guerriere Maya e Zulika. Le culture e le tradizioni di entrambi i popoli sono descritti molto bene, tanto che ci sembra di aver varcato la soglia di un altro universo e di vivere in quello dei personaggi. Anche la cosmogonia di entrambi i Regni è molto interessante e l'ho trovata be costruita. Cosa succederà? Marylya accetterà di sposare Mikelle pur non amandolo? E cosa farà Rhys, il suo migliore amico e soldato, la difenderà o verrà ucciso nel tentativo di salvarla? Per scoprirlo dovrete leggere questo bellissimo romanzo. 

Ho trovato la costruzione dei due Regni molto ben fatta, come ho trovato la cosmogonia di entrambe le popolazioni non solo molto interessante ma geniale. La costruzione psicologica dei personaggi mostra lo sviluppo che questi compiono dall'inizio del romanzo alla fine, vediamo Marylya crescere e diventare una donna badass (una donna che non si fa mettere i piedi in testa da nessuno), Mikelle comportarsi da antagonista malvagio per poi venire sostituito, dopo un certo punto, dall'ancora più perfida Sadyoh; vediamo Rhys crescere e maturare, conoscere l'amore dopo l'esilio forzato da parte del re Ludvik III, vediamo Meros prendere coscienza di sé e del suo ruolo e accoglierlo con responsabilità e coraggio, vediamo Maya innamorarsi e perdere un po' della sua scorza dura di guerriera. Dei personaggi indimenticabili. E a proposito dei personaggi, purtroppo devo dire che il continuo cambio di nome di Kieene (o Kienne) è stato uno dei motivi per cui ho dato 4-, insieme al continuo uso di avverbi in -mente che a tratti rallentavano la lettura e a refusi di vario tipo (come guancie). Tuttavia il romanzo è davvero molto buono e merita le quattro stelline per la sua originalità e freschezza. Non è il classico epic fantasy, ma non è nemmeno un paranormal fantasy, è un fantasy con elementi romance che si intrecciano perfettamente al contesto della storia, ricordando al lettore qual era la pratica che si svolgeva anche in Europa nel Medioevo: quella di stringere patti con gli alleati e di legare le famiglie più potenti attraverso matrimoni pianificati.

Vi saluto con una citazione tratta da questo romanzo che vi stra consiglio, se amate il fantasy in ogni sua sfumatura come me:
"L'orgoglio a volte gioca brutti scherzi e solo il tempo e il perdono sistemano le cose."
(Marylya Rhood)

xoxo,
Giada

1 commento:

  1. Ciao!
    Scusa se ti scrivo qui, ma non sapevo dove scrivere.
    Volevo inserire il banner del tuo blog nel mio, se vuoi.
    Ti lascio il link del mio blog: http://unabuonalettura.blogspot.it/

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...